Il mercato dei canarini, riscatto da 350mila euro per il centrocampista. Modena, Santoro il primo tassello

Il Modena conferma Simone Santoro a centrocampo con un riscatto di 350mila euro dal Perugia. Il giocatore si dice entusiasta e pronto a dare il massimo per la squadra gialloblù. La sua versatilità è stata apprezzata e sarà un'importante risorsa in assenza di Gerli. Il club sta anche lavorando su un difensore e un attaccante.

di ALESSANDRO TRONCONE -
13 giugno 2024
Modena, Santoro il primo tassello

Modena, Santoro il primo tassello

Il primo tassello è esattamente quello che Pierpaolo Bisoli aveva chiesto in maniera chiara, attraverso le scelte del campo e a parole, al Modena e ad Andrea Catellani. Detto, fatto, dunue. Simone Santoro sarà ancora una centrocampista canarino, la trattativa con il Perugia per il riscatto è andata a buon fine per una cifra intorno ai 350mila euro. Diritto di riscatto inserito nel prestito dello scorso gennaio chiuso dall’allora direttore, Davide Vaira. Ha firmato un contratto fino al 2026 (con opzione per la stagione successiva a favore dei Rivetti, dal 1 luglio sarà definitivamente canarino) e dalle zone di Messina, dove si trova ora in vacanza, ha lanciato alcuni messaggi ai tifosi modenesi e quelli del Perugia, sua ex squadra: "Perugia è stata una tappa importante della mia carriera, ma da gennaio ho pensato e ho lottato solo per il Modena ed essere confermato era il mio obiettivo – dichiara Santoro - Ringrazio la famiglia Rivetti e tutta la società, darò tutto per ricambiare sul campo la fiducia dei dirigenti e dell’allenatore. Ora mi sto godendo la famiglia e un po’ di riposo, ma non vedo già l’ora di ritornare a indossare la maglia gialloblù". Da gennaio, il 25enne ha collezionato 15 presenze e prima con Bianco, poi con Bisoli, ha dimostrato le sue duttili caratteristiche. Nel ruolo di esterno destro, le cui prestazioni avevano convinto pur non nella sua posizione naturale, a Cittadella o a Terni. Nel ruolo di vice Gerli, da Ascoli in avanti, quando ha letteralmente messo sulle sue spalle il peso della fase difensiva di una squadra che aveva bisogno di alzare il muro per ottenere la salvezza aritmetica quanto prima. E proprio quest’ultimo dettaglio ha spinto ulteriormente Catellani a chiudere l’acquisizione di Santoro. Perché Fabio Gerli non sarà disponibile immediatamente alla ripresa dei lavori nei primi giorni di luglio, anzi. Il metronomo titolare potrebbe tornare non prima di settembre o ottobre e la presenza di Santoro avvantaggia il lavoro di Bisoli che, almeno a centrocampo, avrà già alcuni meccanismi inseriti dallo scorso finale di stagione. Il Modena sta lavorando al difensore (Caldara) e all’attaccante (Alberti è fatto e potrebbe essere la prossima ufficialità).

Continua a leggere tutte le notizie di sport su