Barilari passa ai raggi X i giallorossi: "Alla Recanatese solo complimenti"

Il tecnico del Sestri Levante, lunedì sera di scena al Tubaldi: "È un gruppo solido e coriaceo"

3 novembre 2023
Barilari passa ai raggi X i giallorossi: "Alla Recanatese solo complimenti"

Barilari passa ai raggi X i giallorossi: "Alla Recanatese solo complimenti"

La storia calcistica di Recanatese e Sestri Levante che si troveranno di fronte lunedì sera al Tubaldi è, per certi aspetti, molto simile. Apparizioni fugaci in C nell’immediato dopoguerra, anni ed anni in D poi l’approdo tra i professionisti a suon di record e con tanto di titolo tricolore. L’approccio in categoria per i rossoblù non è stato agevole anche per l’indisponibilità dello stadio "Sivori" e sulla questione il tecnico Enrico Barilari non sembra ottimista, anzi: "credo che dovremo rassegnarci a disputare l’intero campionato lontano dalle mura amiche (a Carrara ndr). I lavori non sono ancora iniziati, neanche sono stati definiti gli appalti e sappiamo che i tempi burocratici sono talvolta esasperanti". La Recanatese a dicembre scorso riuscì a tornare nel suo impianto. "Dobbiamo prenderne esempio e soprattutto per il girone di ritorno strepitoso disputato. Noi viviamo con serenità questa situazione, senza pressioni da società e ambiente, consci che la lotta per la salvezza sarà durissima".

Quali squadre potrebbero essere le vostre competitor?

"È difficileindividuarle, faccio fatica a pensare che team tipo Lucchese e Pontedera possano essere invischiate nella bassa classifica. Anche quelle che ora arrancano, come Rimini e Fermana, hanno qualcosa in più di noi: la classifica si sta allungando, ma sono soddisfatto degli 8 punti raccolti in 10 partite (ultimo match rinviato per l’allerta maltempo ndr). Abbiamo ciccato solo nel debutto, poi ce la siamo giocata alla pari con tutte".

Tra l’altro il calendario con voi è stato impietoso avendo affrontato tutte le big.

"Abbiamo già incrociato le prime cinque in classifica più l’Entella e tra 3 giorni ce la vedremo a Recanati con la sesta. Non ci siamo fatti mancare nulla".

Sapete bene di incontrare una squadra in stato di grazia con un binomio offensivo forse di categoria superiore.

"Tantissima roba. Sbaffo, se posso permettermi un paragone, mi ricorda il Totti delle ultime stagioni con la sua fantasia e la capacità di svariare su tutto il fronte offensivo. Apprezzo molto la loro duttilità ed il passare con disinvoltura da una difesa a 3 ad uno schieramento a 4. Gruppo solido e coriaceo al quale vanno fatti complimenti".

Dopo anni nei vivai lei ha condotto la squadra alla cavalcata trionfale dell’anno scorso ed è alla prima esperienza tra i prof.

"A La Spezia allenavo i giovanissimi poi sono passato alla Juniores nazionale a Sestri ma in fondo la gestione non è difficile".

In sintesi: un paio di innesti nel gruppo vincente in D.

"Giochiamo con 911 dell’anno scorso. Abbiamo cambiato le punte non avendo più Marquez, bomber di tutti i gironi con 23 gol, e Cominetti. Sono arrivati Margiotta e Toci, ma D’Antoni si è rotto il crociato: insomma non è un momento fortunato…".

C’è anche Busatto, transitato a Fermo mentre l’esperienza è garantita da Raggio Garibaldi sulla trequarti e Regini in difesa. Occhio al portiere: Joyce Anacoura tornato in Italia dopo 5 stagioni in Portogallo è, tra i pali, decisamente…un valore aggiunto.

Andrea Verdolini

Continua a leggere tutte le notizie di sport su