Empoli, zero gol da palla inattiva. I calci da fermo? Una nota dolente

In vista della trasferta di Napoli c’è cauto ottimismo per il recupero di Destro, meno per Walukiewicz

9 novembre 2023
Empoli, zero gol da palla inattiva. I calci da fermo? Una nota dolente

Empoli, zero gol da palla inattiva. I calci da fermo? Una nota dolente

di Simone Cioni

EMPOLI

Prosegue in casa azzurra la preparazione della sfida di domenica prossima al Maradona di Napoli (fischio d’inizio alle 12.30), altro match sulla carta decisamente complicato. Anche nell’allenamento di ieri mattina al Sussidiario del Castellani-Computer Gross Arena hanno continuato a lavorare a parte Destro e Walukiewicz. L’attaccante è alle prese con un risentimento muscolare, che lo ha messo fuori causa nella settimana precedente alla sfida con l’Atalanta, ma giorno dopo giorno stanno crescendo le possibilità di poterlo vedere nella lista dei convocati per la gara contro i partenopei. Discorso diverso per il difensore centrale polacco, che ha saltato la trasferta a Frosinone di lunedì scorso per una distorsione alla caviglia destra. Decisamente più complicato, infatti, un suo recupero per la seconda trasferta consecutiva prima di una nuova sosta per gli impegni delle Nazionali. Per il resto, oltre chiaramente ai lungo degenti Berardinelli e Pezzella, hanno lavorato tutti in gruppo e proprio questi allenamenti fino a sabato (sempre sedute mattutine a partire dalle 11) saranno fondamentali per far crescere la condizione fisica di quei calciatori che si stanno portando dietro da tempo dei problemi fisici, come Baldanzi e Shpendi. È chiaro che in un momento di difficoltà come quello che sta attraversando la squadra azzurra, soprattutto a livello mentale, poter contare su una maggior brillantezza sarebbe fondamentale anche per permettere ad Andreazzoli di poter eventualmente pescare a piene mani nella rosa per apportare le dovute correzioni a partita in corso o per inserire maggior vigoria e nuove soluzioni tecnico-tattiche quando la gara lo richiede.

Quello che continua a stonare maggiormente è la grande difficoltà sotto porta, con appena 4 reti segnate finora gli azzurri continuano ad essere il peggior attacco di tutti e cinque i maggiori campionati europei, e da questo punto di vista c’è un altro dato da considerare. Sempre tenendo conto delle cinque leghe europee più importanti, l’Empoli è una delle tre squadre, insieme ai francesi del Lorient e agli inglesi del Bournemouth, che non hanno ancora segnato un gol su sviluppo di palla inattiva. Proprio la capacità di saper sfruttare meglio punizioni e calci d’angolo potrebbe diventare fondamentale in una fase in cui, pur arrivando con una certa regolarità alla conclusione, Caputo e compagni faticano a segnare su azione. Un aspetto su cui Andreazzoli sta comunque lavorando, anche a livello di nuove soluzioni, come si è potuto notare nelle ultime uscite con l’esecuzione di alcuni schemi, non sempre riusciti, preparati in allenamento. Insomma, come ha sempre sottolineato il tecnico di Massa, gli aspetti da migliorare sono tanti, ma siccome nel calcio contano molto gli episodi quello dei calci piazzati assume una certa rilevanza.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su