Fiorentina, sale l'attesa per l'Atalanta: al Franchi oltre 30.000 tifosi. Dubbio Nico

L'esterno argentino sta bene, ma le fatiche con la nazionale si fanno sentire. Italiano deciderà all'ultimo se schierarlo o meno. Intanto va a gonfie vele la prevendita dei biglietti

di ALESSANDRO LATINI
15 settembre 2023
Il viola Arthur

Il viola Arthur

Firenze, 15 settembre 2023 - La partita con l'Atalanta si avvicina, così come sale l'attesa per la sfida agli uomini di Gasperini. Partiamo proprio dall'aggiornamento ambientale, perché ha preso forza la prevendita dei biglietti per la partita di domenica pomeriggio (ore 18). Questa sera sono 29.000 e oltre i tifosi attesi sugli spalti del 'Franchi'. Dopo un avvio fiacco di prevendita i sostenitori della Fiorentina hanno risposto come solo loro sanno fare. Ed allora eccoli in 12.000 ad acquistare il tagliando per la singola partita, ai quali vanno sommati i 17.252 abbonati. Obiettivo? Manco a dirlo superare quota 30.000, anzi di più. Superare gli spettatori contro il Lecce all'esordio casalingo stagionale (30.923). Tutto assolutamente alla portata, anche perché la partita richiedeva una cornice di pubblico importante. E così sarà, con tre settori già esauriti: Curva Fiesole, Parterre di Tribuna centrale e Maratona Laterale.

Al Viola Park, intanto, proseguono gli allenamenti. Da oggi il gruppo è tornato completo, con anche Gonzalez e Beltran in campo con i compagni. Indisponibile Mina - serviranno diverse settimane per rivederlo in gruppo - l'altro acciaccato è Ikone e servirà la lista dei convocati della vigilia per sapere se sarà della gara oppure no. Difficile sbilanciarsi, con l'esterno francese che viaggiava spedito verso il rientro prima di ri-fermarsi a metà settimana. A questo punto la cautela è d'obbligo. Il resto racconta del grande dubbio che Vincenzo Italiano si porterà dietro fino a domenica mattina: schierare Gonzalez dal 1' oppure no? L'argentino è tornato carico per il gol alla Bolivia con la maglia dell'Argentina, ma sulle gambe ha anche gli 84 minuti agli oltre 3.200 metri d'altitudine di La Paz. Insomma, un bel rebus da sciogliere. Così come restano da decifrare un paio di altri ballottaggi: quello del portiere, con Christensen che insidia Terracciano, e quello dell'esterno sinistro in attacco, dove Sottil spera di avere la meglio su Brekalo. Poi la Fiorentina è fatta. Dodo a destra, Milenkovic e Ranieri al centro, Biraghi a sinistra. A centrocampo troveranno posto Arthur, Mandragora e Bonaventura, con Nzola a fare da riferimento offensivo. E proprio dall'ex Spezia Italiano si aspetta i gol per vincere la partita. Fin qui ha stentato a causa di un ritardo di condizione, ma le due settimane di lavoro al Viola Park sono state ottime. Da domenica non ci saranno più alibi. Alessandro Latini

Continua a leggere tutte le notizie di sport su