Il passaggio di consegne. Italiano Firenze-Bologna. Il derby è appena iniziato. Prima ‘sfida’ sul mercato

Il tecnico lascia mentalità e tattica, ma da Palladino vorrebbe Jack e Kouame

14 giugno 2024
Italiano Firenze-Bologna. Il derby è appena iniziato. Prima ‘sfida’ sul mercato

Italiano Firenze-Bologna. Il derby è appena iniziato. Prima ‘sfida’ sul mercato

La data di inizio ritiro al Viola Park deve essere ancora stabilita (Biraghi e soci si ritroveranno tra la fine della prima e l’inizio della seconda settimana di luglio) eppure sono almeno tre gli aspetti dai quali Raffaele Palladino è pronto a ripartire rispetto alla mole lavoro che Vincenzo Italiano gli ha lasciato in dote: intanto una soluzione tattica nella quale l’ex tecnico del Monza, nell’ultima stagione, ha scelto di rispecchiarsi più volte (il 4-2-3-1 è stato il vestito con cui i brianzoli hanno giocato buona parte dell’ultimo campionato), poi una mentalità della squadra in campo contraddistinta dalla propensione per possesso palla e aggressività (che di fatto è il pane quotidiano anche della Viola che ha in mente l’allenatore campano) e, ultimo dettaglio ma non per importanza, l’abilità nel saper giocare ogni tre giorni e, di conseguenza, gestire le forze nell’arco della settimana (aspetto, questo, nel quale invece Palladino si dovrà misurare). Ed è stato proprio dal percorso in Europa e dalle amarezze per il ko di Atene che Italiano è voluto ripartire, nel giorno in cui è stato presentato come nuovo tecnico del Bologna.

"Tutti potevamo fare meglio ma sono convinto di aver portato a termine un buon triennio" ha raccontato dalla sala stampa dello stadio Dall’Ara: "Se c’è un rammarico che mi porto dietro è la finale di Atene e il non essere riuscito a vincere un trofeo: avrei voluto rigiocare la gara con l’Olympiakos un minuto dopo averla finita". E tra una frecciata e l’altra a chi lo accusa di avere sulla coscienza le tre finali perse in un anno ("Spesso ci si dimentica come si arriva in fondo a un torneo: il percorso che ha portato alle finali con la Fiorentina ha un valore"), adesso per il neo allenatore rossoblù è tempo di pensare al mercato e, tra gli altri, a due giocatori viola messi nel taccuino: Kouame (che Italiano ha richiesto) e Bonaventura.

Andrea Giannattasio

Continua a leggere tutte le notizie di sport su