Gubbio punta sui giovani

La dirigenza del Gubbio ha effettuato 16 operazioni di mercato in entrata, con un focus sui giovani. La qualità dei giocatori non under potrebbe influenzare la formazione iniziale. Braglia potrebbe cambiare modulo per sfruttare l'eccentricità di Spina. La prima sfida è una trasferta a Ancona.

5 settembre 2023

GUBBIO – Si è conclusa un’altra sessione di calciomercato. Come le precedenti, anche l’estate 2023 si è rivelata piena di lavoro e operazioni per la dirigenza rossoblù, nel tentativo di migliorare la rosa a disposizione di mister Braglia. Al netto di cinque operazioni in uscita – Arena al Pisa, Di Gennaro all’Inter, Nicolao al Brindisi, Toscano alla Casertana e Semeraro al Rimini –, sono state ben sedici quelle in entrata, considerando anche i ritorni di Marco Spina e Stefano Greco. Per quanto riguarda Francesco Corsinelli, invece, la situazione è ancora in sospeso: la sentenza del Consiglio di Stato che ha rigettato il ricorso della Reggina e riammesso la Casertana in Serie C potrebbe giocare in favore di un trasferimento. I campani hanno una deroga sul mercato che scade il prossimo venerdì, per cui l’operazione si potrebbe concludere fino a questa data. Tornando alle decisioni della società eugubina, anche quest’anno si è scelto di puntare sulla linea verde e sui giocatori under: Portanova, Tozzuolo, Brogni, Dimarco, Frey, Casolari, Chierico, Mercati e Montevago sono i giovani che i rossoblù avranno la possibilità di valorizzare, come già accaduto per tanti altri calciatori passati per Gubbio. C’è da dire, però, che la qualità dei giocatori non considerabili under potrebbe portare a un diverso tipo di selezione per la formazione iniziale. Lo ha dimostrato ad esempio Spina, che quando è entrato in campo nella sfida contro il Pineto ha cambiato la partita in favore dei suoi, grazie alle sue folate sulla fascia a rompere in due la difesa avversaria. Questa è una delle note più positive della prima giornata di campionato, che potrebbe indirizzare Braglia verso altri moduli per sfruttare proprio l’eccentricità dell’esterno in prestito dal Crotone. Forse si potranno vedere evoluzioni già dalla seconda di campionato, la rognosa trasferta di Ancona lo scorso anno risolta nel finale da una zampata di Di Stefano, dove si cercherà la prima vittoria nel girone.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su