Il Girona non si ferma più: capolista in Spagna con undici vittorie in tredici partite

Il piccolo miracolo dei catalani di Michel che tengono a distanza Real, Barcellona e Atletico. La svolta nel 2017 con l’ingresso nel network Manchester City Football Group, lo scouting dei baby campioni fa la differenza

12 novembre 2023
Michel, 48 anni, allenatore del Girona

Michel, 48 anni, allenatore del Girona

Girona, 12 novembre 2023 – Un Leicester alla spagnola, pronto per il miracolo nella Liga? Forse è troppo presto per dirlo, ma certo il Girona capolista solitario in campionato dopo tredici giornate è quanto di più inatteso. Già undici, le vittorie dei catalani, e quella odierna è arrivata per 2-1 in rimonta sul campo del Rayo Vallecano. Dopo la rete di Alvaro Garcia al quinto minuto, gli ospiti hanno risposto con il 26enne bomber ucraino Artek Dovbyk al 42’ e l'esterno brasiliano Savio al 65’. Un’altra prova di forza per tenere a distanza le squadre delle stelle: Real Madrid, Barcellona e Atletico. E tutto questo al quarto campionato nella massima serie spagnola per il Girona. Ma il primato, poi, non è così casuale. Nel 2017, il club biancorosso della città di appena 100mila abitanti a nord di Barcellona è entrato a far parte del network globale Manchester City Football Group (CFG), beneficiando dell'organizzazione e delle strutture di una super potenza calcistica come il City. Con uno scouting a tutto campo, gli 80-90 osservatori del club di Premier League selezionano giovani promesse da reclutare e testare nei vari club satellite tra cui c'è anche il Palermo in Italia. Dopo le due stagioni d'esordio nella Liga, nel 2019 il Girona è retrocesso, ma è subito tornato nella massima serie e la scorsa stagione ha sfiorato la qualificazione alle coppe, chiudendo al decimo posto solo per un calo che ha rovinato tutto nel finale. In questi anni sono transitati giovani talenti come Taty Castellanos, l'attaccante venduto in estate alla Lazio che la scorsa stagione in biancorosso aveva realizzato 14 reti (tra cui un poker al Real Madrid) in prestito da un'altra squadra satellite dei Citizens, il New York City Fc. Della rosa fanno parte tre giocatori in prestito da altre squadre del City Football Group: il 21enne esterno destro Yan Couto e il centrocampista Yangel Herrera dal Manchester City, e l'ala brasiliana Savio dal Troyes. Anche il regista, lo spagnolo Aleix Garcia, è un ex City. A centrocampo gioca David Lopez, che giocò al Napoli senza lasciare traccia tra il 2014 e il 2016. i tifosi sognano e ringraziano due catalani doc: il presidente Delfì Geli Roura, che iniziò e chiuse la carriera di calciatore al Girona, e l'amministratore delegato Pere Guardiola, fratello di Pep. E poi c'è l'allenatore Miguel Angel Sanchez Munoz, in arte Michel, ex centrocampista e bandiera del Rayo Vallecano che è diventata oggi l'ultima vittima della sua squadra: arrivato nel 2021, schiera un 4-3-3 basato su gioco offensivo, occupazione degli spazi e pressing, in cui i giocatori sono intercambiabili. Il Girona ha di gran lunga il miglior attacco della Liga, con 31 reti: la difesa non è imperforabile – 16 i gol al passivo, più di uno a partita di media – ma quando tutto in avanti funziona, qualche svista non fa la differenza. E il sogno può continuare. 

Continua a leggere tutte le notizie di sport su