Motta firma, è nuova era Juve. Luiz e Greenwood nel mirino. Milan-Fonseca: oggi l’ufficialità. Gudmundsson, pressing Inter

La Signora inizia la rivoluzione in panchina: e con Szczesny destinato all’Al-Nassr, subito spazio a Di Gregorio. Ai nerazzurri piace l’attaccante del Genoa, ma prima bisogna trovare una destinazione per Arnautovic.

13 giugno 2024
Luiz e Greenwood nel mirino. Milan-Fonseca: oggi l’ufficialità. Gudmundsson, pressing Inter

Luiz e Greenwood nel mirino. Milan-Fonseca: oggi l’ufficialità. Gudmundsson, pressing Inter

di Mattia Todisco

Thiago Motta è ufficialmente da ieri il nuovo allenatore della Juventus fino al 2027. La società ha annunciato un accordo ormai chiuso da tempo e per il quale si aspettava soltanto il passaggio sui canali del club. "Sono davvero lieto di cominciare una nuova esperienza alla guida di un grande club come la Juventus. Ringrazio la proprietà e la dirigenza cui assicuro tutta la mia ambizione per tenere alti i colori bianconeri e rendere felici i tifosi", le prime parole dell’allenatore. Il tecnico aspetta evoluzioni nell’affare Douglas Luiz, potrebbero arrivare a breve così come sembra imminente l’uscita di Szczesny e il successivo ingresso tra i pali di Michele Di Gregorio dal Monza. Più complicato sarà strappare al Napoli il capitano Giovanni Di Lorenzo. Il calciatore affronterà l’Europeo senza aver definito il proprio futuro. In rotta di collisione col presidente De Laurentiis, ha deciso di parlare in conferenza stampa dal ritiro azzurro pur sapendo che avrebbe dovuto rispondere a parecchie domande sul suo momento nel club, più ancora che in chiave azzurra. "Sono serenissimo di affrontare questo torneo con l’Italia. Quando ci sarà il momento del Napoli ci metterò la faccia e non mi tirerò indietro - ha dichiarato il calciatore - Le parole di Conte? Un grandissimo allenatore, essere stimato da lui fa piacere". Il giocatore è corteggiato dalla Juventus del suo vecchio ds Giuntoli, che anni fa lo portò a Napoli, ma Conte è deciso a trattenerlo e a maggior ragione non intende vederlo partire per accasarsi in una potenziale rivale per la zona Champions. Bianconeri sulle tracce di Mason Greenwood, esterno d’attacco del Manchester United in prestito al Getafe. Il suo arrivo a Torino potrebbe preludere la partenza di Chiesa.

Giornata importante, oggi, in chiave Milan. C’è attesa per la conferenza stampa di Zlatan Ibrahimovic che annuncerà l’approdo in panchina del timoniere portoghese Fonseca. I prossimi saranno giorni caldi anche per il centravanti che manca ai rossoneri dopo l’addio a Olivier Giroud. L’obiettivo numero uno resta Joshua Zirkzee, la dirigenza ha deciso di versare i 40 milioni di euro della clausola rescissoria, ma non ha ancora un accordo con l’agente Kia Joorabchian sulla robusta commissione. Attesi ulteriori innesti (almeno uno per reparto) tra difesa e centrocampo del Diavolo.

Sempre nell’ambito dei tecnici, ieri Tullio Tinti è stato nella sede dell’Inter per parlare coi dirigenti nerazzurri del rinnovo di contratto di Simone Inzaghi. Discorsi aperti sui bonus e sulla durata dell’accordo, che dovrebbe essere fino al 2027. Solo a fine Copa America verrà ufficializzato il prolungamento fino al 2029 di Lautaro Martinez, mentre potrebbe arrivare ben prima l’accordo per un nuovo portiere. Gli uomini mercato nerazzurri stanno infatti stringendo per Josep Martinez, estremo difensore del Genoa: il giocatore ha già dato l’assenso alla possibile operazione, i rossoblu chiedono una cifra attorno ai 15 milioni di euro: si tratta. Le parti potrebbero sentirsi più avanti nel corso dell’estate anche per Gudmundsson, ma i nerazzurri devono prima trovare una destinazione per Arnautovic (molto restio a lasciare Milano) e Correa. Nella vicina Monza, invece, i brianzoli hanno annunciato ieri l’arrivo di Nesta: un anno di contratto e rinnovo automatico in caso di salvezza.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su