L’infermeria si svuota: il rebus squadra. Certezze, dubbi e le nuove "cartucce"

Il Pisa dovrebbe tornare in campo con il 4-2-3-1. Nicolas recuperato, Canestrelli al centro della difesa e Beruatto a sinistra .

11 novembre 2023
L’infermeria si svuota: il rebus squadra. Certezze, dubbi e le nuove "cartucce"

L’infermeria si svuota: il rebus squadra. Certezze, dubbi e le nuove "cartucce"

Come ogni volta, provare a indovinare la formazione iniziale che manderà in campo Alberto Aquilani rimane un rebus. Più volte in queste prime dodici giornate di campionato l’allenatore nerazzurro ha sorpreso, cambiando spesso tra uomini e modulo. Per la partita del "Druso" contro il SudTirol, però, aumentano le possibilità di rivedere lo stesso 11 di partenza per due volte consecutive, cosa mai accaduta in precedenza in stagione. Così, il Pisa dovrebbe tornare in campo con il 4-2-3-1. Nessuna certezza, però, fortunatamente l’infermeria dei nerazzurri, come conferma lo stesso Aquilani, si sta svuotando, aumentando così le possibilità di scelta. Sono tanti, infatti, i ballottaggi. Partiamo però dalle certezze. La prima è rappresentata da Nicolas: dopo la botta subita negli ultimi minuti della sfida contro il Como da Cutrone, il portiere brasiliano è totalmente recuperato. Altre certezze sono due uomini che giocheranno davanti a lui, Canestrelli al centro della difesa e Beruatto a sinistra (o terzo centrale in caso del 3-4-2-1). Aquilani non si è mai privato di loro in questo avvio di stagione, ottenendo risposte importanti. Accanto a Canestrelli, dovrebbe giocare ancora una volta Leverbe, in ballottaggio con Hermannsson e Calabresi. Così come sulla destra è vivo il ballottaggio tra Esteves e Barbieri. Il portoghese, sempre titolare nelle ultime quattro gare, sembra favorito, mentre il numero 42 ha visto il proprio minutaggio diminuire nell’ultimo periodo. La coppia di centrocampisti dovrebbe essere quella "titolare", composta da Marin, anche lui recuperato dopo il colpo che lo ha costretto al cambio contro il Como, e Miguel Veloso. Anche in questo caso, quest’ultimo è in una competizione perpetua con Barberis per la maglia da titolare: settimana scorsa si sono passati il testimone all’intervallo, questa volta chissà. Passando al reparto offensivo, due posti, quelli di Lisandru Tramoni e Valoti, sembrano assicurati. Il numero 7 si è confermato l’elemento più pericoloso dal Cittadella in poi, mentre il trequartista, autore di due gol consecutivi, oltre a essere il miglior marcatore della squadra, è l’unico capace ad aver realizzato più di una rete. Sulla sinistra, possibile nuova maglia per Mlakar, reduce dalla sua miglior partita con il Pisa. Verso la riconferma anche Moreo come punta centrale, nonostante il recupero di Torregrossa e un Gliozzi necessitante di minutaggio. Quindi scenda in campo lato Pisa, è chiamato a ottenere un risultato che permetterebbe di evitare la sesta sconfitta in 13 partite, dando tranquillità per la sosta.

Lorenzo Vero

Continua a leggere tutte le notizie di sport su