Granata in difficoltà atletica. Paga il preparatore Bartali

La società ha lasciato a casa l’ex collaboratore di Spalletti e ha ingaggiato la coppia Faraci-Ceci

di FRANCESCO PIOPPI -
14 novembre 2023
Granata in difficoltà atletica. Paga il preparatore Bartali

Granata in difficoltà atletica. Paga il preparatore Bartali

Ribaltone alla Reggiana: via il preparatore atletico Alberto Bartali, dentro il tandem composto da Giacomo Ceci e Giacomo Faraci. È questa la scelta fatta dai vertici granata che sarà resa ufficiale nelle prossime ore, ma che è già stata finalizzata e comunicata ai diretti interessati. Quella di Cosenza è stata quindi l’ultima partita per l’ex collaboratore di Luciano Spalletti che paga una condizione atletica non soddisfacente della truppa di Nesta. Una situazione che sarebbe stata evidenziata anche in alcuni test specifici a cui – circa un mese fa – avevano lavorato proprio Faraci e Ceci che, assieme al professor Danilo Manari, fanno parte dell’O2Up. Parliamo di un team di valutazione e monitoraggio per atleti che - grazie all’uso di avanzate tecnologie e all’applicazione delle più recenti evidenze scientifiche in ambito di medicina sportiva e scienze motorie - fornisce consulenza a team professionistici di primissimo livello su scala mondiale. Scorrendo il loro curriculum è facile imbattersi in foto che certificano le collaborazioni con il Real Madrid di Carlo Ancelotti o con altri top team. L’avventura di Bartali - che in passato aveva lavorato anche con squadre importanti come lo Zenit San Pietroburgo, il Galatasaray, il Livorno, il Catania o la Ternana - finisce dunque a distanza di appena quattro mesi dal suo arrivo a Reggio. Assieme a lui lascerà l’incarico anche il collaboratore Federico Rognini che Bartali aveva portato con sè dopo l’ultima esperienza trascorsa assieme a Terni. Si tratta di una decisione forte, ma presa con cognizione di causa e in un periodo (quello della sosta per le nazionali) che darà modo al nuovo staff di avere qualche giorno in più per lavorare e tarare, secondo nuovi canoni, la preparazione fisico-atletica di Rozzio e compagni.

La scelta della Reggiana ha sicuramente tempistiche un po’ inusuali, ma non sorprende più di tanto visto che già da alcune settimane nell’ambiente serpeggiava un certo malumore anche per la raffica di infortuni muscolari che sta riducendo le opzioni a disposizione di Nesta. È ovviamente impossibile (oltre che ingeneroso) stabilire una sorta di corrispondenza ‘causa-effetto’ tra le defezioni e la preparazione fisica effettuata, ma ultimamente gli episodi sfortunati da questo punto di vista sono stati molteplici. La volontà del ds Goretti (che aveva scelto Bartali) e di tutti i vertici della Reggiana è quella di percorrere tutte le strade per avere una squadra brillante sotto ogni punto di vista.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su