Nesta: "Abbiamo giocato male". Salerno: "Chiediamo scusa ai tifosi"

Il trainer: "Sembravamo intimoriti, nel primo tempo non siamo scesi in campo". Rozzio: "Non è una disfatta"

di GIUSEPPE MAROTTA -
12 novembre 2023
Nesta: "Abbiamo giocato male". Salerno: "Chiediamo scusa ai tifosi"

Nesta: "Abbiamo giocato male". Salerno: "Chiediamo scusa ai tifosi"

"Abbiamo giocato veramente male e c’è poco da aggiungere, se non porgere le scuse ai tifosi che hanno fatto tanta strada". Deluso il presidente Carmelo Salerno e non ci gira attorno. "Abbiamo giocato malissimo e la stanchezza che ho visto sarà sicuramente analizzata dalla parte atletica dello staff tecnico, io questa settimana non ho seguito gli allenamenti (era a New York, ndr)". Il "pres" è originario proprio della provincia di Cosenza. "Questa regione e questa città meritano un Cosenza così forte e che punta alle zone alte. Sono attrezzati, ma dispiace perché ci eravamo preparati per fare una partita molto diversa". Infine ancora il pensiero per i tifosi. "So cosa vuol dire viaggiare a lungo, li ringrazio. Ora nel mirino abbiamo l’Ascoli, dobbiamo tornare a vincere".

Delusione anche nelle parole di Alessandro Nesta. "Non siamo stati brillanti, e non è una questione di singoli. Nel primo tempo sembrava fossimo intimoriti, siamo usciti in pressione troppo morbidi e con poca aggressività". Non bene anche la fase di possesso. "Sì, di solito facciamo meglio. Siamo migliorati nella ripresa, ma non è andata bene". Qualche dubbio su diverse chiamate arbitrali. "Su Varela col Lecco mi ero tenuto la riserva per rivedere tutto a casa, e in effetti c’era rigore. Stavolta mi tengo il dubbio su un colpo a fine primo tempo (su Antiste, ndr), spero che stavolta non ci sia stato un errore, altrimenti diventa un brutto vizio…".

Infine, un commento finale. "Faccio scelte a volte giuste, a volte e sbagliate. Forse potevamo tenere la palla meglio, ho rammarico per non avere giocato il primo tempo. Pettinari? importante come tutti, speriamo di recuperarlo".

Parola anche al capitano Paolo Rozzio, come capita spesso nei momenti un po’ più complicati. "Abbiamo iniziato scarichi? No, l’avevamo preparata così, cioè facendo una gara di attesa, senza aggredire la loro metà campo, e quindi tenendo il baricentro un po’ più basso del solito". Nella ripresa, un po’ meglio. "Sì, forse la si poteva pareggiare. Non parlo di arbitri, fanno le loro scelte, ma se ci danno il rigore su Bianco magari andiamo sul pari e staremmo parlando di tutt’altro. Dobbiamo essere più attenti negli episodi, nelle palle mezze e mezze come quella del primo gol". Sconfitta diversa da Terni. "Sì, lì ero in panchina ma fu una disfatta più netta, stavolta non è andata così, dobbiamo alzare l’attenzione negli episodi". Infine un applauso per i 230 cuori granata. "Siamo andati sotto il loro spicchio per dargli qualche indumento. Se lo meritano e inoltre sappiamo che stanno raccogliendo fondi per il ragazzo che ha avuto l’incidente ad una mano. Spero che maglie e pantaloncini siano in qualche modo utili per aiutarlo".

Continua a leggere tutte le notizie di sport su