Roma: il calciomercato chiama, occhi su Gudmundsson, portieri e giovani

I capitolini seguono l'islandese, intatno parte la caccia al sostituto di Rui Patricio

18 novembre 2023
Albert Gudmundsson a duello con Isak Hien

Albert Gudmundsson a duello con Isak Hien

Roma 17 novembre 2023 - Se da una parte José Mourinho ha concesso il liberi tutti per quattro giorni, così da poter ricaricare le pile in vista della ripresa del campionato, dall'altra scaldano invece i motori Tiago Pinto e gli altri uomini mercato della Roma, in preparazione della prossima sessione di mercato giallorosso. Nonostante manchino ancora sei settimane all'inizio della sessione invernale di mercato, cominciano a intensificarsi i contatti tra le parti in cerca di possibili occasioni per fare la differenza nella seconda parte di stagione. 

Uno dei nomi, accostati già nella sessione estiva ai romanisti era quello di Albert Gudmundsson. L'islandese si può considerare a pieno titolo tra le più interessanti sorprese i questa prima parte di Serie A. Le giocate del vichingo rossoblu stanno trascinando i liguri, mostrando come il ragazzo classe 1997 non abbia per nulla accusato il cambio di categoria, dopo aver già colpito nella scorsa stagione in Serie B. Fin qui il giocatore ha collezionato 14 presenze fra campionato e Coppa Italia mettendo insieme 7 gol e un assist.

Numeri importanti che non hanno lasciato indifferenti le big, così il Genoa è stato lesto a correre ai ripari provando a blindare il proprio fantasista. Le interessi delle big non hanno infatti ostacolato i rossoblu, che in tempi brevi sono riusciti a trovare l'accordo per il rinnovo del contratto con adeguamento di ingaggio per Albert Gudmundsson. Ufficialità del rinnovo che è arrivata in giornata e che allontana ma non spegne le braci di mercato attorno all'islandese. La Roma infatti, insieme a Napoli, West Ham e Aston Villa seguono ancora le tracce del vichingo ligure. La società genoana valuta il proprio pupillo circa 20 milioni di euro e puntano a rimandare ogni discorso di cessione alla sessione estiva, ma di fronte ad offerte irrinunciabili ecco che il club nove volte Campione d'Italia potrebbe vacillare. I romanisti non hanno al momento la forza economica per partecipare ad un eventuale asta per il giocatore, ma i capitolini restano spettatori interessati degli sviluppi attorno al classe 1997 in forze al Genoa.

Non solo Gudmundsson sul radar della Roma, nella giornata di oggi infatti i capitolini avrebbero cominciato a stringere il proprio mirino di mercato su un giovane talento croato. Si tratta del trequartista classe 2005 Fabijan Krivak, giocatore attualmente in forza alla Lokomotiv Zagabria. Giocatore di piede sinistro, il ragazzo alto un metro e ottantadue ha già strappato otto presenze nel massimo campionato croato, realizzando anche un assist. Dopo aver iniziato la stagione da riserva, il diciottenne sta guadagnando con il passare delle giornate un minutaggio sempre più consistente, fino ad essere diventato un titolare del proprio club. Per poter strappare il sì al club della SuperSport Hrvasta nogometna Liga i giallorossi hanno fatto una prima offerta vicino ai tre milioni di euro. Il giocatore potrebbe arrivare a gennaio per allungare le rotazioni di José Mourinho nella zona mediana del campo. 

Caccia al sostituto di Rui Patricio: tre nomi sul taccuino romanista

Tra i ruoli che sicuramente necessiterà un upgrade per il futuro romanista è quello di portiere. A inizio stagione le prestazioni del numero uno lusitano avevano fatto sollevare più di qualche sopracciglio e ora sembra avvicinarsi il momento dell'addio. Il contratto di Rui Patricio infatti scadrà il prossimo giugno 2024 e questo fa riflettere gli uomini mercato giallorossi, a caccia di un estremo difensore che possa raccoglierne l'eredità in futuro, visto come Mile Svilar non venga considerato, per ora, all'altezza del ruolo. 

Sono tre in particolare i primi nomi accostati ai giallorossi nel ruolo. Il primo è quello che appare al momento il più plausibile: si tratta di Wladimiro Falcone, portiere che il Lecce ha prelevato dalla Sampdoria in estate per 4 milioni di euro, dopo aver giocato la scorsa stagione sempre in Salento, ma con la formula del prestito. Il classe 1995 nella conferenza stampa post partita della sfida tra Lecce e Roma all'Olimpico si è dichiarato tifoso proprio dei giallorossi del Tevere, ribadendo come per lui giocare nella Capitale sarebbe un sogno che diventa realtà. "L’ambizione di giocare nei top club c’è sempre, poi non ho mai che sono un tifoso della Roma e per me sarebbe un sogno giocare qui. Non si smette mai di sognare, se dovrà esserci l’occasione dovrò farmi trovare pronto. Ora penso al Lecce, ho 5 anni di contratto”. Parole d'amore che non sono rimaste indifferenti alle orecchie di Tiago Pinto e colleghi a Trigoria, i quali hanno cominciato a chiedere informazioni al presidente dei salentini Sticchi Damiani circa le sue richieste per il portiere. Al momento il prezzo del cartellino sembra essere fissato intorno ai 10 milioni di euro. 

Il secondo nome è quello di Michele Di Gregorio, altro estremo difensore che sta facendo faville in provincia, precisamente con la maglia del Monza. Rispetto a Falcone convince di più per continuità e carattere, oltre ad avere due anni in meno rispetto al collega in maglia salentina (Falcone classe 1995, Di Gregorio classe 1997). Il costo però è simile a quelle del portiere del Lecce: la richiesta dei brianzoli potrebbe fermarsi intorno ai 10 milioni di euro, dopo averlo prelevato per poco più di 4 milioni di euro dall'Inter. Il suo contratto scade nel 2027 e questo elemento non dispone a favore della Roma in sede di trattative.

Tiago Pinto ha però dimostrato di saper lavorare bene con soluzioni provenienti dall'estero e l'ultima possibile soluzione potrebbe venire proprio da fuori l'Italia. Si tratta di Ugurcan Çakir, estremo difensore turco attualmente in forze al Trabzonspor. Il portiere alto 195 centimetri è stato promosso da Vincenzo Montella a nuovo numero uno della Nazionale turca, la quale ha conquistato con anticipo la qualificazione a Euro 2024 in Germania. Il costo in termini di cartellino potrebbe essere simile risetto alle opzioni precedenti, ma in questo caso potrebbe essere fondamentale la volontà del giocatore. Venire in uno dei top 5 campionati potrebbe significare molto per le ambizioni del portierone turco e questo potrebbe spingere il club attualmente proprietario del suo cartellino ad abbassare le richieste per lasciare andare il proprio estremo difensore.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su