Terremoto Fano, club e tecnico si separano. Scorsini lascia la panchina: tifosi sconcertati

Decisione consensuale, poche righe di saluto. Sostituto: si fanno i nomi di Farina, Mauro Mosconi e Alessandrini

15 novembre 2023
Terremoto Fano, club e tecnico si separano. Scorsini lascia la panchina: tifosi sconcertati

Terremoto Fano, club e tecnico si separano. Scorsini lascia la panchina: tifosi sconcertati

"L’Alma Juventus Fano comunica di avere interrotto consensualmente il rapporto di collaborazione con mister Marco Scorsini. La società ringrazia il mister per i valori e l’attaccamento dimostrato ai colori granata e gli augura un grande bocca al lupo per il futuro professionale". Con una nota fredda econ parole di circostanza la società granata comunica l’interruzione del rapporto con il tecnico laziale. Era nell’aria questa decisione e non lascia sorpresi, seppur non se ne capiscono le motivazioni, viste le dichiarazioni fatte dal direttore generale Franco Pantaleoni dove spiegava, dopo il pareggio con la Vigor Senigallia, che "è un periodo un po’ brutto, con soli due punti fatti in quattro partite. Siamo in un momento di riflessione, e quando si riflette può accadere di tutto". Un preludio alla decisione scaturita dalla riflessione di questi due giorni, che scatena l’ira e lo sgomento della piazza, incredula davanti a questa decisione. Se è vero che con Chieti, L’Aquila, Campobasso e Vigor Senigallia sono stati messi solamente due punti nel cassetto è altresì vero che non è stata considerata la forza dell’avversario, la sfortuna del Fano e i direttori di gara che ci hanno messo anche del loro offrendo arbitraggi discutibili. Ultima, ma non per importanza, la sconfitta subìta a tavolino con il Fossombrone di cui mister Scorsini non ha di certo colpe, ma le ha bensì la società, tenuta a verificare tutte le decisioni del giudice sportivo pubblicate nella stagione precedente; non è il primo caso in cui un giocatore non può disputare la prima o le prime giornate di campionato per delle squalifiche prese al termine dell’anno precedente, e non è compito del mister verificare la disponibilità dei giocatori. Sul campo il Fano chiama infatti 14 punti se si considera la vittoria contro i forsempronesi, e questo non fa che rendere incomprensibile per i supporters la decisione di non continuare l’avventura con Scorsini, che sta facendo un miracolo visti i tanti giovani che ha a disposizione e da cui sta tirando fuori il meglio. Luca Navacchia, presidente del club "Forza Alma" esterna la sua stima nei confronti di Scorsini: "Un grande in bocca al lupo ad un mister che prima di essere allenatore è stato un grande uomo. Nessuno avrebbe accettato di guidare una squadra nel marasma che va avanti da questa estate, ma lui ha resistito tirando fuori il massimo da ogni ragazzo in campo. Decisione davvero incomprensibile da parte della società".

Dello stesso avviso Davide Manna ‘Dado’ dei Panthers: "Un rapporto forse mai sbocciato quello tra la società e Scorsini, anche perché parliamo di un esonero dopo una gara giocata alla pari con un’ottima squadra come la Vigor Senigallia. Personalmente tralasciando il lato sportivo, il Fano e la piazza sportiva fanese perdono sul campo una bella persona. Ora la decisione sul successore dirà il reale interesse di “calcisticamente fare bene“ di questa società assente, con un presidente che ad oggi non ha visto una partita in presenza in questa stagione. A mister Scorsini un augurio per un roseo futuro, così come al Fano in attesa di una nuova società il prima possibile". Francesco Baldarelli "Baldo" degli Ultras è breve e coinciso: "Non ho parole, non capisco perché il presidente non si impegni a cedere la società". In attesa del nuovo tecnico ha guidato l’allenamento del martedì l’allenatore in seconda Alberto Rondina. Tra le ipotesi sul sostituto, si fanno per ora tre nomi: Francesco Farina, appena esonerato dalla Fidelis Andria; Mauro Mosconi, fratello di Andrea, e Marco Alessandrini.

Lara Facchini

Continua a leggere tutte le notizie di sport su