Casadei domina in MotoE È il campione del mondo

Il pilota riminese a Misano conquista il titolo iridato sul circuito di casa. Al 24enne è bastato vincere in gara1 per festeggiare, terzo invece in gara2.

10 settembre 2023
Casadei domina in MotoE  È il campione del mondo

Casadei domina in MotoE È il campione del mondo

Campione del Mondo! Campione del Mondo tra la sua gente, sulla pista di casa, circondato dagli amici più cari. Un sogno che si realizza per il 24enne riminese Mattia Casadei: vince gara1 della MotoE e mette tra sé e gli avversari 37 punti – peraltro sull’altro riminese Matteo Ferrari – che gli consentono di festeggiare con una prova d’anticipo l’aritmetica vittoria nel primo Mondiale ufficiale – sino al 2022 si trattava di una Coppa del Mondo – delle moto elettriche. E l’ultimo riminese – in Moto2 nel 2020 – ad aver vinto un campionato del Mondo è Enea Bastianini, praticamente il primo ad abbracciare sulla pista di Misano, Mattia Casadei, appena tagliato il traguardo.

Malgrado la gamba e la mano sinistra ingessati dopo l’operazione, il pilota ufficiale Ducati, si fa portare a spalla da un "portantino" per abbracciare l’amico di sempre assieme al nipporiccionese – anche se ora abita a San Marino – Tatsuki Suzuki, ormai romagnolo anche lui per amicizie e frequentazioni. L’attesa per la vittoria mondiale, dopo il sorpasso di Casadei a Barcellona una settimana fa, è brevissima: in partenza il catalano Jordi Torres vola in testa alla partenza, ma le telecamere della giuria lo pescano in uno scatto anticipato che precede lo spegnimento dei semafori.

Così arrivano due long lap penalty di penalizzazione e, praticamente la fine della corsa Mondiale, anche perché l’altro rivale, Matteo Ferrari, dopo la pole position viene penalizzato di 10 posizioni e Casadei vince gara1 davanti a Garzo e al compagno di scuderia Spinelli. In gara2 invece Casadei ha concluso in terza posizione, al termine della gara poi vinta dal compagno di squadra Spinelli. Casadei compie un vero miracolo, visto che dopo la tappa di Assen aveva ben 55 punti di svantaggio da Torres, e ora, 7 gare dopo, ne ha 40 di vantaggio. "Sono campione del Mondo – dice lo stesso Casadei a fine gara – ancora non ci credo: poi davanti ai miei amici e alla mia famiglia è tutto ancora più bello".

u.b.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su