Batte senza problemi lumezzane al palaruggi: secondo successo di fila. La Virtus raddoppia e ci prende gusto

Virtus Imola vince nettamente contro Lumezzane con un punteggio di 83-55. Dopo un avvio difficile, la squadra di casa ha preso il controllo del match, allargando la forbice fino a 22 punti alla terza sirena. Una vittoria importante per la Virtus che si prepara al prossimo turno in casa contro Ravenna.

di ANTONIO MONTEFUSCO -
20 novembre 2023
La Virtus raddoppia e ci prende gusto

La Virtus raddoppia e ci prende gusto

VIRTUS IMOLA

83

LUMEZZANE

55

VIRTUS IMOLA: Vannini, Dalpozzo 2, Aglio 4, Morina 6, Alberti 5, Chiappelli 5, Barattini 7, Magagnoli 15, Masciarelli 9, Ohehen 3, Balciunas 15, Morara 12. All. Regazzi.

LUMEZZANE: Arrighini, Niemi 10, Mastrangelo 7, Salvinelli 2, Deminicis 2, Maresca, Di Meco 12, Becchetti, Minoli 5, Cecchi 7, Spizzichini 10, Leone. All. Saputo.

Arbitri: Scaramellini e Esposito.

Note: parziali 14-13; 33-25; 58-36. Tiri da due: Virtus Imola 1837; Lumezzane 1129. Tiri da tre: 1027; 422. Tiri liberi: 1725; 2123. Rimbalzi: 43; 30.

Sono due le vittorie consecutive conquistate dalla Virtus. Ieri sera, dopo aver faticato nel primo quarto, la V imolese si è presa due punti importantissimi da aggiungere alle tre affermazioni precedenti. L’avvio dei gialloneri è choc, pronti via e Lumezzane è già avanti di sette punti (0-7). Il primo cesto virtussino lo segna Masciarelli da 3 dopo 3’40’’, lo imita Chiappelli ed è -1 (6-7). Si segna pochissimo e alla prima sirena i padroni di casa sono sopra di un solo punto (14-13). Nella seconda frazione i canestri sono ancora pochi, dopo 180 secondi le due squadre sono a braccetto (21-21). La Virtus però comincia a trovare fiducia, il canestro appare più grande e all’intervallo grande ci sono 8 punti di differenza fra imolesi e bresciani (33-25). Al rientro dagli spogliatoi in campo c’è solamente la squadra di casa, gli uomini di Regazzi alzano il ritmo, i bresciani pagano anche le assenze di alcuni giocatori, ma non c’è più partita.

Un po’ alla volta la forbice si allarga, segnano un po’ tutti, da Masciarelli a Balciunas, passando per Magagnoli e via via tutti gli altri. Alla terza sirena il match è praticamente chiuso, Imola ha 22 punti di vantaggio e servirebbe solo un miracolo per recuperare il gap. Gli ultimi dieci minuti servono unicamente solo per le statistiche da consegnare alla lega. Nel prossimo turno la Virtus giocherà in casa con Ravenna.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su