Carpegna Prosciutto, ko contro la Vanoli

Pesantissima lezione subita a Cremona dai pesaresi, il match finisce 96 a 69

di MAURIZIO GENNARI
19 novembre 2023
Carpegna Prosciutto, ko contro la Vanoli

Carpegna Prosciutto, ko contro la Vanoli

Cremona 19 novembre 2023 - Se prima di scendere in campo contro la Vanoli avessero anche indossato un grembiulino bianco ed un piumino in mano era una perfetta e variopinta squadra di donne di servizio, la Carpegna Prosciutto. E’ uscita, la formazione di Buscaglia, dal campo con 26 punti di svantaggio: 96 a 69 il punteggio finale.

Tutto questo mentre sul fronte opposto Pecchia diventa l’eroe del giorno e se ne torna in panchina sotto una standing ovation del suo pubblico. Per avere un quadro della 'consistenza' della formazione pesarese che era salita a Cremona speranzosa, dopo essere tornata ad un meno 10 (65 a 75) nei primi due minuti dell’ultimo quarto grazie ad un canestro di Visconti e quindi di Bluiett, nell’ultima parte della gara è riuscita a segnare solamente 4 punti contro i 21 messi a segno dai padroni di casa. Storie da Guiness dei primati 4 punti in 7 minuti per una formazione della massima serie. Una non partita fondamentalmente quella disputata da Pesaro, non tanto in attacco, quanto in difesa perché gli attaccanti della Vanoli hanno sempre fatto ciò che hanno voluto partendo da un dominio assoluto sotto i tabelloni: 10 rimbalzi in più di Pesaro. E per ironia della sorte la prima randellata della partita è arrivata ad un ex, Zanotti che in un amen ha piazzato bombe e rimbalzi tanto da portare la sua formazione nel secondo quarto avanti di 26 punti. Zanotti per la cronaca ha chiuso con 17 punti segnati. Non ha avuto acuti la formazione biancorossa perché anche Totè che ha sempre fatto la sua parte in questo inizio di campionato, ha sbattuto contro Adrian he non ha segnato un punto ma ha fatto il vuoto nell’area dei tre secondi.

L’altro eroe di sette giorni fa, e cioè Tambone, non è mai riuscito a prendere il ritmo, mentre il trio degli americani e cioè Bamforth, Bluiett e Ford oltre a qualche tirino sparso qua e là lungo il corso dei 40 minuti non hanno mai inciso e lasciato alcun segno sulla gara. Ma il mistero glorioso di questa prima parte di campionato resta comunque la figura del play McCallum che in questo pomeriggio lombardo è riuscito a stare in campo ben 16 minuti segnando 4 punti.

E cioè il giocatore, assieme al pivot, più strategico in questo sport passa più tempo in panchina a guardare i compagni anzichè scendere in campo. Il pubblico ed i tifosi della Carpegna Prosciutto passano dagli stati di semi esaltazione a quelli di depressione totale per cui per la società si presenta un’altra settimana di passione e di contestazioni. E domenica prossima sarà al palasport una formazione non facile come Treviso. Pesaro torna in casa dopo questa pesantissima lezione subita a Cremona e davanti ad un pubblico che ha sempre superato le cinquemila persone. Ma quanto dura?

Il tabellino

Vanoli 96 Carpegna Prosciutto 69 VANOLI CREMONA: Eboua 12, Adrian 1, Zegarowski 12, Pecchia 9, Denegri 9, Lacey 8, Piccoli, McCullough 17, Golden 12, Zanotti 17. All. Cavina. CARPEGNA PROSCIUTTO PESARO: McCallum 4, Bamforth 17, Bluiett 11, Visconti 9, Ford 6, Maretto ne, Tambone 10, Stazzonelli ne, Mazzola, Totè 10, Mockevicius 2. All. Buscaglia. Arbitri: Paternicò, Nicolini, Catani. Note - Parziali: 26-17, 53-33, 73-56. Tiri liberi: Cremona 8/8, Pesaro 10/17. Tiri da 3 punti: Cremona 12/28, Pesaro 11/28. Rimbalzi: Cremona 41, Pesaro 3

Continua a leggere tutte le notizie di sport su