Forlì, due veterani per la panchina. Pascolo resta, si tratta per Cinciarini

Intesa con ‘Dada’: sarà il cambio dei lunghi. Fiducia sul 41enne: il rinnovo prevederebbe però la riduzione dell’ingaggio

di STEFANO BENZONI -
23 giugno 2024
Forlì, due veterani per la panchina. Pascolo resta, si tratta per Cinciarini

Forlì, due veterani per la panchina. Pascolo resta, si tratta per Cinciarini

Pascolo sì, Cinciarini forse. L’Unieuro, in attesa di formalizzare gli accordi con i suoi primi due acquisti (il playmaker di riserva Matteo Parravicini e il centro titolare Angelo Del Chiaro), sta muovendosi anche per completare un roster che nella prossima stagione coach Antimo Martino vorrebbe fosse formato da dieci giocatori veri e quindi senza ragazzi delle pur eccellenti giovanili forlivesi.

Salutati formalmente Fabio Valentini e Federico Zampini e meno ufficialmente ma ugualmente concretamente Maurizio Tassone e Todor Radonjic, il gm Renato Pasquali sta muovendosi su più tavoli sia per il mercato in entrata, sia per confermare quei giocatori che si pensa possano ancora trovare un posto nella squadra della prossima stagione. I due nomi sono sotto osservazione sono quelli di Davide Pascolo e di Daniele Cinciarini, due veterani che però nel campionato scorso hanno ancora dimostrato di essere validi e competitivi ad alto livello.

‘Dada’ Pascolo indosserà la casacca Unieuro anche nella stagione 2024-2025, mentre Cinciarini sta ancora riflettendo sul da farsi, con buone probabilità di far parte della nuova squadra: scaduto il contratto firmato nell’estate 2022, si tratta su una riduzione del suo ingaggio, fatto ovviamente non facile da accettare ma probabilmente inevitabile. Il capitano è reduce da una stagione con grandi cifre, ha però appena compiuto 41 anni. Pascolo nell’idea forlivese sarebbe il quarto lungo e partendo dalla panchina potrebbe cambiare sia l’ala forte, sia eventualmente il centro. L’ex Trento e Milano, che compirà 34 anni il prossimo 14 dicembre, ha chiuso la stagione regolare con 7 punti e 5,5 rimbalzi di media in 19’ tirando con il 58% da due, mentre nei playoff ha fatto addirittura qualcosina in più come testimoniano gli 8 punti e 6 rimbalzi di media in 22’ tirando con il 60% da due.

Se le trattative degli ultimi giorni andranno in porto, come sembra stando alle indiscrezioni, la squadra assumerebbe così un volto già piuttosto definito: Riccardo Tavernelli come playmaker titolare, guardia americana, ala piccola americana, Raphael Gaspardo come ala forte e Angelo Del Chiaro come centro. Dalla panchina si alzeranno Matteo Parravicini per cambiare il regista, forse Cinciarini per cambiare la guardia, Luca Pollone per vari ruoli da esterno e Davide Pascolo e Daniele Magro sotto canestro.

In questo scenario diventerebbe inevitabile – a meno che non lo si voglia tenere in panchina con teoriche scarse possibilità di utilizzo – che il giovane e promettente Michele Munari (classe 2005) venga mandato a fare esperienza in B per farlo tornare fra un anno o due e lanciarlo, dandogli lo spazio che tutti pensano possa meritare. A Martino il giovane play piace molto e per questo andrebbe trovata una soluzione per non sacrificarlo e ‘fargli perdere’ un anno.

Le prime ufficializzazioni degli acquisti dovrebbero avvenire nei primi giorni di luglio, con gli italiani. Per poi buttarsi alla ricerca di due americani che potrebbero far compiere il salto di qualità a un roster che si preannuncia comunque di eccellente livello.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su