Le pagelle. Resta a galla Pollone, naufraga l’ex Johnson

Segnali positivi da Zilli, non da Pascolo. Pesa lo 07 di Valentini nelle triple, Allen non brilla né demerita

5 novembre 2023
Resta a galla Pollone, naufraga l’ex Johnson

Resta a galla Pollone, naufraga l’ex Johnson

Allen 6. Prese le misure al match, nel break del secondo periodo è il faro della riscossa forlivese in un mare tempestoso. Ci prova anche nel terzo con 6 punti, ma l’ostacolo si fa presto insormontabile. Alla fine saranno 16 i punti segnati, nonostante l’15 dalla lunga distanza.

Cinciarini 5. Entra in campo sul finire del primo quarto e si fa subito sentire, ma è di fatto l’unico sussulto nei 13’ in cui resta in campo. Il capitano non incide.

Valentini 5. Ci mette pepe nel rientro prima dell’intervallo: segna lì i 6 punti del suo match. Sono però solo una manciata di minuti nel mezzo di una gara piena di difficoltà. Lo 07 dalla lunga distanza – con alcune soluzioni forzate – è pesante.

Zampini 5,5. Energia ed intensità nella prima metà di gara, creando qualche grattacapo agli esterni avversari (8 falli subiti). Manca di continuità dopo l’intervallo, ‘uniformandosi’ inevitabilmente ai compagni di squadra.

Tassone sv. In campo solo nei 3’ conclusivi.

Johnson 4,5. Ex della sfida, si dedica al nascondino per tre quarti di gioco: è davvero impalpabile nei 18’ trascorsi sul parquet. Rialza la testa e va in doppia cifra (12 punti) solo nelle ultimi fasi di gara, quando Verona è già in festa.

Pascolo 5. La partenza in quintetto non lo rivitalizza. I lunghi veronesi banchettano subito sotto canestro, quindi prova a rialzare la testa facendo valere la sua fisicità (7 rimbalzi catturati) ma, a tratti, pare quasi un corpo estraneo alla squadra.

Zilli 6. Lancia finalmente qualche segnale positivo. In bolla quando entra sul parquet, si fa apprezzare per la caparbietà con cui si ‘lancia’ a rimbalzo, riuscendo a catturare ben 6 carambole offensive oltre agli 8 punti segnati. Un paio di errori nel secondo periodo, quando Verona scappa di nuovo.

Pollone 6,5. Ci prova come può nella metà campo difensiva: non può ‘coprire’ puntualmente su ogni avversario che sfugge. È un importante punto di riferimento offensivo, facendosi sempre trovare pronto sugli scarichi. Ormai è una soluzione a tutti gli effetti. Chiude con 16 punti (47 dall’arco) e un ottimo 20 di valutazione.

Radonjic 5,5. Pareggiare fisicità e intensità veronesi è un compito assai arduo. Ciononostante, cattura 4 rimbalzi e distribuisce 3 assist in 15’. Mette in ritmo i compagni, però la sufficienza la sfiora soltanto.

Simone Casadei

Continua a leggere tutte le notizie di sport su