Passo falso. Pallotti: "A Pesaro. Virtus troppo brutta per essere vera»

La Virtus Civitanova ha perso inaspettatamente a Pesaro, con uno score di 68-53. La squadra di Schiavi è apparsa smarrita e senza voglia di lottare. Arienti e Bazani hanno provato a salvare il salvabile, ma gli altri giocatori sono stati sotto tono. Domenica si attende la corazzata Loreto Pesaro.

8 novembre 2023
Pallotti: "A Pesaro. Virtus troppo brutta per essere vera"

Pallotti: "A Pesaro. Virtus troppo brutta per essere vera"

Gambe molli e zavorrate, saponette fra le mani, l’interruttore spento. Si spiega così l’inatteso tracollo della Virtus a Pesaro dove il Pisaurum ha fatto il bello e il cattivo tempo imponendosi 68-53. Forse ha pesato, pure sul piano psicologico, l’aspra battaglia persa col Matelica. Sta di fatto che il team di Schiavi è apparso per la prima volta dall’inizio del campionato smarrito e senza troppa voglia di sbucciarsi i gomiti e le ginocchia. La Virtus ha esaurito le pile all’inizio del 2° tempo dopo che, con un parziale di 0-9 firmato dallo scatenato Arienti, era riuscita ad impattare lo score sul 34-34 rintuzzando la prima fuga dei pesaresi. Al 30’ (50-43) la gara non era ancora finita, per la verità. È nell’ultimo quarto che s’è giocato quasi a senso unico, nonostante Bazani abbia provato a mettere qualche pezza. Ecco: Arienti e Bazani, pur non furoreggiando, hanno provato almeno a salvare il salvabile. Sotto tono gli altri, a iniziare dall’ex Bini, reduce dall’eccellente prova col Matelica. Il commento del gm Marco Pallotti (foto): "Il rendimento dei ragazzi è stato deludente. Ci sono rimasto male per la controprestazione. Troppo brutti per essere veri. Non ha funzionato niente. Spero sia dipeso dalle scorie della battaglia di mercoledì. Peccato perché la partita di Pesaro rappresentava, per il nostro cammino, uno snodo importante". Ora la classifica langue un po’. E domenica è attesa al PalaRisorgimento la corazzata Loreto Pesaro.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su