Rinascita Serata no tra sconfitta e infortuni

Ultimo test pre-campionato: Udine vince nonostante la rimonta biancorossa, ma Ferrari perde Tassinari, Masciadri, Anumba e Grande

24 settembre 2023
Rinascita Serata no tra sconfitta e infortuni

Rinascita Serata no tra sconfitta e infortuni

RIVIERA BANCA RIMINI

80

APU OLD WILD WEST UDINE

84

RIMINI: Tassinari, Marks 18, Anumba 2, Grande 9, Tomassini 18, Scarponi 4, Masciadri, Johnson 14, Simioni 15, Abba. All.: Ferrari.

UDINE: Vedovato, Clark 22, Alibegovic 7, Caroti 14, Arletti 2, Gaspardo 3, Delia 20, Da Ros 5, Monaldi 3, Ikangi 8. All.: Vertemati.

Parziali: 15-25, 33-49, 54-64, 80-84.

Ancora una sconfitta con squadre di A2 per Riviera Banca, che nel test di Montegrotto Terme con Udine va ko per 80-84 nonostante la rimonta del secondo tempo. È però la situazione di infortuni e acciacchi che continua a preoccupare staff e società biancorossa. Nonostante un inizio, almeno da questo punto di vista, nel segno del bello (Grande e Johnson regolarmente in quintetto), Rbr conclude il match con Tassinari out per uno scontro di gioco, Masciadri fuori per un taglio, Anumba per un colpo al ginocchio e Grande per un problema alla spalla. Ovvio che a sette giorni dal via le precauzioni siano massime e alcuni di questi casi non dovrebbero portare a veri e propri stop, ma di certo un po’ di preoccupazione rimane. Soprattutto per Tassinari, che andrà valutato nelle prossime ore.

Il test ha visto in campo una squadra che è andata subito sotto 6-17 nonostante il 2-0 d’acchito di Johnson. Udine gioca un primo periodo di grande brillantezza in attacco, mentre i biancorossi sbagliano qualcosa di troppo e hanno le polveri bagnate al tiro (15-25 al 10’). Nel secondo quarto sale di tono Simioni e anche Marks produce una delle sue folate (10 in pochi minuti), con Udine che però è pronta a ribattere e anche ad allungare con Caroti fino al 33-49. Una forbice importante, con rotazioni ulteriormente ridotte dall’infortunio a Tassinari e poi letteralmente decimate dagli stop in sequenza a Masciadri, Anumba e poi anche Grande. Rimini però non si abbatte e prova a recuperare punto su punto, chiudendo al 30’ sul 54-65. La squadra è viva e lotta, non vuole abbandonare la battaglia contro un’altra concorrente ai quartieri alti nella prossima A2. Marks va per il -7 a 4’ dalla fine, con Tomassini scatenato da tre a infilare i punti del 78-84 a un minuto dal gong. Segna anche Johnson per il -4, Udine perde palla e la Rinascita ha il possesso per accorciarla ulteriormente, ma la tripla del -1 di Tomassini non entra.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su