San Giobbe Chiusi detta legge contro Rimini Calma e sangue freddo fanno la differenza

10 settembre 2023
San Giobbe Chiusi detta legge contro Rimini  Calma e sangue freddo fanno la differenza

San Giobbe Chiusi detta legge contro Rimini Calma e sangue freddo fanno la differenza

RIMINI

71

CHIUSI

78

(25-19; 39-45; 61-62)

RINASCITA BASKET RIMINI: Simioni 13, Marks 12, Grande 5, Johnson 7, Scarponi, Sirri ne, Lombardi ne, Mascadri 7, Bonfè ne, Tomassini 15, Tassinari 2. Allenatore Ferrari

SAN GIOBBE CHIUSI: Tilghman 20, Jerkovis, Stefanini 20, Martini 5, Possamai 4, Dellosto 16, Chapelli ne, Zani, Lorenzoni ne, Bozzetto 8, Divac, Raffaelli 10. Allenatore Bassi

RIMINI – Bella prova della San Giobbe che vince in casa di una quotata Rimini la prima gara del girone a tre di Supercoppa di A2. Una gara equilibrata, decisa dalla maggiore lucidità della squadra di Bassi. In avvio 4-0 Rimini poi la tripla di Martini che accorcia. Gli americani di Rimini sembrano ispirati ma anche Tilghman lo è, 9-8 dopo 4’. La parità a quota 11 con la bomba di Stefanini, mentre il primo vantaggio chiusino arriva con Possamai. Primo quarto è equilibrato nonostante alla San Giobbe manchi Spear: 17 pari al 7’. Dopo 10’ i romagnoli sono avanti di 6. Nel secondo parziale Bozzetto &C. partono bene. Tomassini riporta avanti Rimini, ma anche l’attacco dei ragazzi di Bassi cresce di tono: 28-33 grazie al 33 di Stefanini dalla lunetta a metà del secondo quarto. Rimini risponde con un contro parziale di 9-0 che riporta avanti i padroni di casa, 37-33. A metà gara è Chiusi a mettere la testa avanti grazie alla bomba finale di Dellosto, +6. In avvio di ripresa 9-0 di Marks e compagni con tre triple e +3 romagnolo. Tilghman e Stefanini accorciano, 53-51 al 24’. L’ennesima tripla della serata, stavolta di Raffaelli, impatta a quota 55 al 26’. Nuovo vantaggio ospite ancora con Tilghman, ma è un susseguirsi di sorpassi e controsorpassi fino al 61-62 chiusino sulla sirena grazie a Stefanini. Nell’ultimo parziale, complice un calo di ritmo in entrambe le squadre, la gara viaggia a ritmi più bassi. Chiusi è avanti 68-71 a 3’ dalla sirena, anche grazie ai tanti rimbalzi catturati. Il gioco da tre punti di Tilghman amplia il margine ma Tomassini segna il -4 a meno di 2’ dalla sirena. E’ un tentativo inutile, Chiusi mantiene il sangue freddo e porta a casa la vittoria. Martedì altra gara di Supercoppa, stavolta in casa, contro Forlì.

Guido De Leo

Continua a leggere tutte le notizie di sport su