Calcio serie D: il bomber di Castel San Pietro sarà ancora rossoblù. Così l’Imolese va sul sicuro: confermato il bomber Raffini

Il centravanti Simone Raffini è la sesta conferma dell'Imolese per la stagione 24/25, rinforzando il reparto offensivo dopo un periodo positivo con il Roma City. Altri movimenti di mercato attesi, incluso l'arrivo dell'attaccante Antonio Calabrese e del difensore Darrel Agbugui.

4 luglio 2024
Così l’Imolese va  sul sicuro: confermato il bomber Raffini

Così l’Imolese va sul sicuro: confermato il bomber Raffini

La sesta conferma dell’Imolese per la stagione 24/25 si chiama Simone Raffini. Il centravanti di Castel San Pietro si va ad aggiungere alla nutrita lista di giocatori che proseguiranno la loro avventura a Imola, già precedentemente composta da Adorni, Mattiolo, Ale, Dall’Osso e Garavini.

Classe 1996, cresciuto tra Imolese e Cesena, e con all’attivo anche una presenza in B – nel 2015, proprio con il cavalluccio – oltre a più di 100 gettoni in serie C, collezionati con le maglie di Pordenone, Ravenna, Pontedera, Lucchese, Fermana e Paganese, Raffini è rientrato alla base lo scorso dicembre, rinforzando un pacchetto offensivo che fino a quel momento si era dimostrato piuttosto sterile.

Chiusa la parentesi di un anno e mezzo nella capitale con i colori del Roma City (45 gare e 13 reti totali), dove nella prima parte di campionato era però stato impiegato appena 150 minuti in tre mesi, in rossoblù, oltre alla continuità, l’attaccante ventisettenne ha ritrovato anche un certo feeling con il gol, risultando a fine stagione il miglior marcatore dei suoi assieme a Mattiolo, con 5 centri in 19 gare (11 in meno rispetto alla punta siciliana).

Nel fine settimana sono attesi altri annunci e movimenti di mercato, tra questi, l’arrivo di un altro attaccante castellano, il classe 1998 Antonio Calabrese, cresciuto nel vivaio del Bologna e la scorsa stagione in forza ai friulani del Cjarlins Muzane. Per la difesa il nome più caldo è quello del laterale classe 2001 Darrel Agbugui, prodotto del settore giovanile del Verona.

Giovanni Poggi

Continua a leggere tutte le notizie di sport su