Forlì all’assalto del Sant’Angelo: "Sarà una partita da battaglia"

Al ‘Morgagni’ (ore 15) sfida ai lombardi, mister Antonioli: "Loro fisici e in forma, ci sarà da lottare"

di MARCO LOMBARDI -
1 novembre 2023
Forlì all’assalto del Sant’Angelo: "Sarà una partita da battaglia"

Forlì all’assalto del Sant’Angelo: "Sarà una partita da battaglia"

Un Galletto da combattimento. Mauro Antonioli ha ben chiaro il tipo di partita che attende la sua squadra, impegnata oggi (ore 15) a domicilio contro il Sant’Angelo: "Affrontiamo un avversario che ha parecchia fisicità, quindi dovremo essere pronti a giocare – questo dev’essere il nostro motto –, ma anche a fare la battaglia". Sul piatto tre punti per restare agganciati alle frequenze più alte e il ‘Morgagni’ – tornato a pulsare come non si vedeva da tempi immemori – è la ‘padella’ giusta per ‘friggere’ i barasini. Rognosi e spavaldi, quanto meno lontano da casa. Già, perché la differenza di rendimento tra mura alleate e ostili è il grande paradosso di una squadra indecifrabile.

I lombardi infatti in viaggio hanno raccolto 7 dei 10 punti complessivamente conquistati – solo Fanfulla (10) e Imolese (9) hanno fatto meglio –, perciò sono da prendere con le molle. "Il Sant’Angelo non va assolutamente sottovalutato – avverte Antonioli –, come peraltro tutte le squadre di questa categoria: ha qualità importanti e viene da un buon momento, certificato dalla vittoria in casa contro il Mezzolara che ha fatto seguito al pareggio di San Mauro. Alle spalle c’è una società che ha stanziato un budget sostanzioso per fare bene, allestendo una rosa di giocatori bravi. Che in settimana abbiamo studiato attentamente. Quindi servirà un Forlì ai massimi livelli per cogliere la vittoria".

Il tecnico biancorosso torna, poi, sull’indigesto pareggio a Prato di sabato scorso: "Non l’ho affatto accolto bene, è chiaro, a maggior ragione per l’andamento della partita. Potevamo portare a casa il bottino pieno e invece, purtroppo, non ci siamo riusciti. Anche nei ragazzi c’era delusione. Ci sta. E comunque è un bel segnale, perché se vai a Prato, campo caldissimo, per sfidare una big e il pareggio, alla fine, ti va stretto, allora significa che la mentalità comincia a essere quella giusta. Certo, dispiace per la vittoria sfumata, ma dobbiamo restare in fiducia e ripartire da quanto di positivo abbiamo fatto".

Capitolo formazione: quiz leva calcistica del 2005 per Antonioli, che perde Signore (infortunato) e deve rinunciare a Rossi (squalificato); in rampa di lancio lo juniores Filippo Valentini. Indisponibile anche Bonandi, per il cui rientro, presumibilmente, serviranno almeno altre tre settimane, mentre Drudi ("è ancora in ritardo di condizione") dovrebbe fare capolino tra i convocati domenica, a Lodi, contro il Fanfulla. Terna arbitrale capitolina al ‘Morgagni’: fischia Marco Ferrara della sezione di Roma 2, coadiuvato dagli assistenti Massimiliano Cirillo e Bruno Dattilo, entrambi di Roma 1.

Il probabile 11 (4-3-3): Pezzolato; Masini, Checchi, Tafa, Maggioli; Valentini, Gaiola, Piva; Calì, Merlonghi, Mosole.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su