Il fattore casa come forza. La Fermana attende l’Arezzo

La squadra di Protti al Recchioni dopo due sfortunate trasferte con Pineto e Sestri. Oggi in programma la rifinitura e domani in campo. E ora serve una svolta.

di FILIPPO ROCCHI -
18 novembre 2023
Il fattore casa come forza. La Fermana attende l’Arezzo

Il fattore casa come forza. La Fermana attende l’Arezzo

Meno un giorno al ritorno in casa della Fermana. La squadra di Stefano Protti torna al Recchioni dopo le due sfortunate trasferte consecutive contro Pineto e Sestri Levante. L’ultima partita in casa per i gialloblù è stato il derby contro l’Ancona. Coreografia in tribuna spettacolare, un’atmosfera clamorosa e l’ultimo punto finora portato a casa in campionato. L’effetto derby è durato troppo poco, si spera che il fattore casa possa tornare a essere una legge come un tempo.

È pur vero che più della metà dei (pochissimi) punti conquistati finora sono arrivati al Recchioni: quattro (vittoria contro Pontedera e pareggio contro l’Ancona, contro i tre pareggi esterni a Gubbio, Pesaro e Ferrara. Statistica che comunque lascia il tempo che trova: troppe squadre hanno passeggiato e vinto a Viale Trento, e forse questo è uno degli aspetti che sta facendo più male in questa stagione. Troppe occasioni sprecate fin qui per iniziare a svoltare la stagione, ma il tempo sta scadendo.

Non bisogna gettare la spugna a novembre e per evitarlo servono punti immediatamente. I playout attualmente distano quattro punti, con la Juventus Next Gen al penultimo posto con 11 punti ma una partita da recuperare contro la Virtus Entella. Sopra i bianconeri le varie SPAL, Vis Pesaro e proprio il Sestri Levante a quota 12 e le stesse partite della Fermana. Ecco perché la partita contro l’Arezzo di domenica alle ore 14 sarà essenziale. I toscani arrivano alla partita dopo la sconfitta rimediata nei minuti finali contro il Pineto, sempre più sorpresa di questo campionato. Animi tesi nell’ambiente aretino dopo un mercato sfavillante ma che per il momento non sta dando i risultati sperati, anzi.

Nella giornata di venerdì è iniziato il loro mini-ritiro ad Assisi per preparare la partita contro la Fermana. Torneranno a piena disposizione dell’allenatore Indiani, arrivato all’ultima spiaggia anche Mawuli e Niccolò Gucci, che aveva giocato solo uno spezzone finale contro il Pineto. L’attaccante è la più grande minaccia dell’Arezzo: circa 50 gol in Serie C in carriera e capocannoniere della squadra con sei reti messe a segno in 12 presenze in campionato. Da solo ha segnato più di tutta la Fermana in questa stagione (cinque le reti dei gialloblù fin qui).

Al Recchioni dunque ci saranno diversi scenari da ribaltare: il fattore casa, i pochi gol e soprattutto i punti che servono come il pane.

Lavora in questa direzione mister Protti: oggi la rifinitura e domenica in campo. Serve una svolta, ora.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su