La fibra per il Mannucci. Così Pontedera corre

Accordo fra la società granata e Devitalia. Garazzo: "Bella collaborazione"

di STEFANO LEMMI -
17 novembre 2023
La fibra per il Mannucci. Così Pontedera corre

La fibra per il Mannucci. Così Pontedera corre

Il Pontedera viaggia sempre più veloce. C’è infatti all’orizzonte la volontà di dotare ben presto lo stadio Mannucci e l’impianto dell’Oltrera di fibra ottica. E’ questa la novità principale emersa ieri dalla conferenza stampa indetta per il rinnovo del rapporto di collaborazione per il sesto anno consecutivo, tra la società granata e Devitalia, azienda leader nel settore delle comunicazioni, e sponsor granata. Ad annunciarlo, con una chiara unità d’ intenti, Andrea Bargagna, direttore organizzativo del club, e Angelo Garozzo, direttore commerciale. "Stiamo studiando – ha annunciato Bargagna – la possibilità di dotare lo stadio Mannucci e la struttura dell’Oltrera della fibra ottica. Per noi è importante avere partner come Devitalia che lavorano nel settore della multimedialità, perché oltre a tenerci in linea con i progetti della Lega in materia, ci consentono di arrivare a vivere lo stadio in maniera interattiva". "Siamo contenti di collaborare con il Pontedera – ha proseguito Garozzo – perché ci troviamo bene e abbiamo ricevuto visibilità. Far arrivare la fibra allo stadio significa permettere al Pontedera di poter gestire tutti i servizi più rapidamente e di ampliarne altri".

Sul piano agonistico, come ormai è noto, la prevista sfida in programma domenica al Mannucci contro il Pescara è stata rinviata a martedì 5 dicembre (alle 18,30) su richiesta – possibilità che viene data dal regolamento - della squadra allenata da Zdenek Zeman che ha tre giocatori convocati con le varie nazionali: Tunjov con la nazionale della Moldavia, Staver con la stessa nazionale ma under 21, e Accornero con la formazione under 20 dell’Italia, la stessa nella quale sono stati convocati i granata Angori e Ignacchiti. Questa sosta, oltre a permettere un recupero fisico più approfondito, consente di gustare più a lungo l’exploit di Ferrara, una vittoria (1-0 con il sesto centro di Catanese) che il capitano Marcos Espeche aveva subito commentato così: "La spinta della Spal, era inevitabile, perché una squadra in cerca di riscatto prova subito a partire forte. Siamo stai bravi a saper soffrire, tutti insieme, come sappiamo fare, e poi la squadra è venuta fuori con qualità e carattere, giocando un bel calcio in tanti frangenti della gara. L’obiettivo? Resta il mantenimento della categoria, poi una volta raggiunta sicuramente possiamo pensare ad altro. Ma fino ad allora bisogna restare focalizzati sulla salvezza". A chiudere era stato Lorenzo Ignacchiti: "La Spal è partita forte anche grazie all’aiuto dei tifosi, ma noi siamo stati bravi a restare tranquilli e concentrati sulla gara. Poi con il passare dei minuti abbiamo iniziato a palleggiare e le occasioni migliori le abbiano avute noi".

Continua a leggere tutte le notizie di sport su