Lucchese - Filo diretto con il Catania. Anche Cicerelli proposto alla Pantera

E’ un attaccante come Chiarella, sempre in forza al club etneo. Ma finché i rossoneri non calano il monte ingaggi gli affari restano in stallo

9 giugno 2024
Lucchese - Filo diretto con il Catania. Anche Cicerelli proposto alla Pantera

Lucchese - Filo diretto con il Catania. Anche Cicerelli proposto alla Pantera

Se dobbiamo rimanere alla stretta ufficialità, ad oggi la Lucchese ha effettuato un solo movimento in entrata: il rinnovo del contratto del portiere Coletta fino al 30 giugno 2025. Le altre sono solo voci, come quella del possibile arrivo del difensore Antoni dal Tau oppure quella del prolungamento del contratto al giovane Leone fino al 2026. Per non parlare, poi, delle indiscrezioni vere e proprie.

Due esempi. La Lucchese sarebbe interessata all’attaccante Chiarella del Catania e al centrocampista Rojas del Crotone. Ed è di ieri la voce rimbalzata dall’isola che il Catania sarebbe disposto a cedere alla Lucchese l’attaccante trentenne Emmanuele Cicerelli (16 presenze ed un gol nello scorso campionato) che vanta un notevole curriculum tra "C" e "B", con la maglie di Foggia, Salernitana, Frosinone e Reggina.

Del resto quella etnea potrebbe essere una "bottega" amica alla quale rivolgersi, data la presenza di Faggiano e Laneri. Il tutto da prendere con il beneficio di inventario, in attesa che il presidente Bulgarella si decida ad ingaggiare un direttore sportivo in pianta stabile o, al limite un consulente esterno, facendo ricadere su se stesso e sull’allenatore Gorgone le future scelte di mercato, sia in entrata che in uscita.

Forse una cosa la possiamo dare per scontata: fino a quando la Lucchese non riuscirà ad abbassare il monte ingaggi – trovando una nuova sistemazione ai vari Magnaghi, Gucher, Fedato, Guadagni – , non potrà muovere foglia, come si dice, vista la situazione debitoria complessiva. Qualche euro potrebbe entrare dal Sorrento per il riscatto di Ravasio oppure dalla cessione di Federico Russo al Livorno targato Indiani. Le cose sarebbero andate in maniera diversa se, al momento opportuno (prima dell’inizio dello scorso mercato invernale), la società avesse proposto il prolungamento dei contratti a Rizzo Pinna, Benassai e Tumbarello che, a quel punto della stagione, molto probabilmente avrebbero accettato. Oggi la Lucchese, non solo avrebbe ancora tre giocatori di spessore per la categoria, ma la possibilità di incassare tanti soldi dalla loro eventuale cessione. Comunque quella è, ormai, acqua passata. Ora bisogna cominciare a programmare il futuro, anche se i trasferimenti dei giocatori potranno essere effettuati ufficialmente solo dal 1° luglio al 30 agosto.

All’inizio della settimana dovrebbe svolgersi (a Lucca o a Pisa) un nuovo incontro tra Bulgarella e Gorgone, con il trainer che ha stilato una specie di "lista della spesa" di giocatori che vorrebbe inserire nel futuro organico e che, al tempo stesso, avrebbero ingaggi in linea con quelli stabiliti dalla società. I tifosi si aspettano che il presidente esponga, sia pure a grandi linee, programmi ed ambizioni per il prossimo campionato e lo faccia, se non con una conferenza stampa, almeno attraverso un comunicato ufficiale. Vedremo se saranno accontentati.

Intanto si conclude, oggi, il campionato di serie "C", con la disputa della finale di ritorno tra Carrarese e L. R. Vicenza (andata 0-0). In caso di parità, supplementari ed eventuali calci di rigore. Stadio dei Marmi ovviamente esaurito, con appena 600 tifosi biancorossi (quanti ne può ospitare il settore ospiti). Calcio d’inizio alle 17,30.

Emiliano Pellegrini

Continua a leggere tutte le notizie di sport su