Merlonghi colpisce ancora. Il Forlì va in orbita al 96’

Continua la corsa, piegato un coriaceo Sant’Angelo. Tutti i gol nella ripresa. Apre Persichini, il pari su rigore al 79’, poi l’assalto e la stoccata del bomber.

2 novembre 2023
Merlonghi colpisce ancora. Il Forlì va in orbita al 96’

Merlonghi colpisce ancora. Il Forlì va in orbita al 96’

FORLì

2

SANT’ANGELO

1

FORLI’ (4-3-1-2): Pezzolato; Graziani (11’ st Valentini), Tafa, Maggioli, Masini; Pecci (48’ st Casadio), Gaiola, Greselin (38’ st Prestianni); Mosole (38’ st Barbatosta); Persichini (31’ st Merlonghi), Babbi. A disp.: Zamagni, Checchi, Calì, Colli. All.: Antonioli.

SANT’ANGELO (4-3-3): Nucci; Confalonieri (25’ st Fontana), Ugge, Pecorini, Bernini; Gomez, Deangelis (17’ st Bramante), Mecca; Lanzi (25’ st Rosconi), Gobbi (42’ st Principe), Renda (42’ st Malanga). A disp.: Cattaneo, Hashari, Volante, Gradinetti. All.: Palo.

Arbitro: Ferrara di Roma.

Reti: 5’ st Persichini, 34’ st Bramate (rig.), 51’ st Merlonghi.

Note - Ammoniti: Merlonghi, Bernini. Espulso Palo (allenatore S. Angelo) al 29’ st per proteste. Spettatori 500 circa. Angoli: 7-10. Recupero: 1’, 6’.

Continua la corsa del Forlì. La squadra biancorossa, trasformata da brutto anatroccolo a splendido galletto dalla bacchetta magica di mister Antonioli, inanella il settimo risultato utile consecutivo superando, con una splendida rete di Merlonghi all’ultimo respiro, al 96’, un pur ottimo Sant’Angelo. Con questi tre punti ‘qualità’ i galletti volano a due lunghezze dalla nuova e sorprendente capolista Victor San Marino, tallonando da vicino Ravenna e Imolese, seconde, in un vertice della classifica che parla solo romagnolo.

Antonioli, considerati i tre impegni ravvicinati, tiene inizialmente a riposo bomber Merlonghi, mandato poi in campo nei minuti finali del match a risolvere la contesa. Nel primo tempo meglio gli ospiti, pericolosi già al 7’ con Renda che, dopo uno slalom, costringe Pezzolato alla prima paratona. Al 12’ Mecca, al volo, spara centrale. Al 14’ Forlì in avanti con Maggioli che, da fuori, spedisce tra le braccia di Nuccio. Dopo la conclusione di Persichini (35’) ribattuta e il colpo di tacco di Maggioli ribattuto da Pecorini, Pezzolato toglie da sotto la traversa il fendente di Deangelis sfruttando la statura. Al 45’ è troppo centrale la punizione di Mosole.

Nella ripresa il match si sblocca al 50’: Mosole serve in verticale Persichini che, dal limite, spara una rasoiata vincente alla destra di Nucci per l’1-0. Due minuti dopo il colpo di testa di Babbi è liberato sulla linea. Il Forlì continua ad attaccare. Al 68’ Persichini, di testa, mette sopra la sbarra. Non irresistibile la reazione dei lombardi sino al 71’ quando Gomez non controlla, in piena area, un pallone pericoloso.

Arriva al 79’ l’inatteso pareggio: palla filtrante e braccio galeotto di Gaiola che induce il signor Ferrara a fischiare il penalty: sul dischetto va Bramante bravo a firmare l’1-1. All’83’ il Sant’Angelo prova il colpaccio con Fontana fermato in plastica uscita a terra da Pezzolato. Nel finale i biancorossi non si accontentano. All’84’ il diagonale di Merlonghi è parato da Nucci e al 88’ la punizione dello stesso attaccante risulta troppo centrale. Al terzo tentavo, il numero nove forlivese, al 96’, calcia al volo una respinta della difesa avversaria mettendo il pallone nell’angolino lontano, mettendo a dura prova le fondamenta del vecchio Morgagni per l’esultanza dei tifosi. Per il Forlì domenica s’annuncia un altro scontro con punti pesanti, sul campo del Fanfulla, ieri corsaro in casa del Certaldo (0-1) e appaiato ai galletti a quota 17. Con tali premesse è obbligatorio crederci.

Franco Pardolesi

Continua a leggere tutte le notizie di sport su