Montefano e Maceratese senza il giusto spunto: è 0-0

Dopo le recenti polemiche per il campo neutro, le formazioni ci provano ma non trovano il gol.

20 novembre 2023
Montefano e Maceratese senza il giusto spunto: è 0-0

Montefano e Maceratese senza il giusto spunto: è 0-0

MONTEFANO

0

MACERATESE

0

MONTEFANO (3-5-2): David; Postacchini, Pjetri, Monaco; Calamita (44’ st Cingolani), Alla (28’ De Luca E.), Sindic, Di Matteo, De Luca G. (36’ st Camilloni); Papa (15’ st Latini), Bonacci. A disp.: Bentivogli, Marasca, Toro, Castignani, Stampella). All Mariani.

MACERATESE (4-2-3-1): Gagliardini; Iulitti (20’ st Luciani), Sensi, Strano, Martedì; Tortelli, Giorgio Pagliari (36’ st Massei); Di Ruocco, 20’ st D’Ercole), Minnozzi, Cirulli (36’ st Chimezie); Perri. A disp.: Amico, Nicolosi, Marcolini, Mancini, Ruani. All. Dino Pagliari.

Arbitro: Pigliacampo di Pesaro.

Note: spettatori circa 600 con folta rappresentanza ospite. Ammoniti: De Luca G., Latini. Angoli: 3-2.

Un punto a testa al termine di una gara vibrante in cui le squadre non si risparmiano, alla fine il pareggio è tutto sommato un risultato giusto. Nel primo tempo si fanno preferire i viola, nella ripresa rispondono i biancorossi. Si gioca a Monte San Giusto dopo il tiramolla settimanale: dapprima la Federcalcio aveva fissato la sede del match a Montefano, poi spostata per ragioni di ordine pubblico a Osimo dove non c’è stato il via libera della Questura di Ancona e così alla fine si è giocato a Monte San Giusto alle 18.

È micidiale la partenza del Montefano: sulla fascia si fa notare De Luca che spedisce un invitante pallone e sulla deviazione di Bonacci è da applausi l’intervento di Gagliardini. La Maceratese risponde con Minnozzi: l’attaccante si gira e calcia a rete con un difensore che ci mette una pezza. La partita si sviluppa principalmente a centrocampo fino a quando Bonacci (42’) chiama il portiere a deviare in angolo il diagonale. Poco prima del riposo si fa notare Pjetri: il difensore salta più in alto di tutti e manda sul fondo. Poi l’arbitro manda tutti negli spogliatoi per il riposo.

Si riprende. Ci prova Minnozzi (3’) su calcio di punizione, ma David respinge coi pugni. Risponde Di Matteo (18’) e Gagliardini in tuffo si salva in angolo. L’ingresso di D’Ercole porta fantasia, serve un bel pallone a Cirulli che stoppa e calcia di poco alto. Anche Sindic ci prova dalla distanza (34’), la palla si perder di poco sul fondo. L’ultimo tentativo è di Minnozzi (42’) sulla cui punizione David è attento e respinge di pugno. Nel finale è bella l’iniziativa di D’Ercole sul cui traversone la difesa libera con affanno.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su