Trattative per Coccia e Montini. L’Arezzo vuole ripartire da loro

Troise considera fondamentale la doppia conferma dei difensori. E in attacco si cerca una punta centrale

di AREZZO -
15 giugno 2024
Trattative per Coccia e Montini. L’Arezzo vuole ripartire da loro

Trattative per Coccia e Montini. L’Arezzo vuole ripartire da loro

di Andrea Lorentini

Completato lo staff di Troise – del quale non farà parte Castiglia – adesso il mercato dell’ può iniziare ad entrare davvero nel vivo. Partendo dalla difesa si cercherà di rinegoziare il prestito con il Modena per Lorenzo Coccia. Il terzino sinistro 2002, di proprietà dei canarini, è un prospetto sul quale l’ vuole puntare anche l’anno prossimo. Giocatore di gamba che fa della propulsione offensiva la sua qualità migliore. Per caratteristiche può giocare sia in una difesa a quattro, oppure da esterno a tutta fascia. Una duttilità che lo stesso Troise considera preziosa e funzionale alla sua filosofia di calcio. Duttilità che ha senz’altro Alberto Montini. Il classe 2001 può giocare su entrambe le fasce e sarà un punto fermo della batteria di terzini anche per la prossima stagione. Non è un caso che nei mesi scorsi abbia rinnovato fino al 2026 con opzione per un altro anno. Verrà aggregato nel ritiro estivo Rjan Maloku, il classe 2004 che si è messo in evidenza all’Aglianese, in serie D, dove ha collezionato 32 presenza, 2 gol e 4 assist, tutt’altro che pochi per un difensore. Di sicuro arriverà un centrale difensivo considerando il lungo infortunio (rottura del crociato) di Masetti che lo terrà fuori almeno fino a fine 2024. Da valutare la posizione di Polvani e Risalti.

Entrambi sono sotto contratto e l’ non ha intenzioni di cederli. E’ risaputo che sono due pupilli di Indiani e non è escluso che da Livorno possa partire un corteggiamento.

A centrocampo, Cutolo vorrebbe ripartire da Shaka Mawuli. Come per Coccia con il Modena, il ds proverà a strappare al SudTirol, che detiene il cartellino del ghanese, il rinnovo del prestito. In mediana si dovranno rimpiazzare Castiglia e Foglia. Quest’ultimo sembra ormai orientato a smettere per iniziare un percorso dirigenziale nelle giovanili. Tra gli under di ritorno alla casa madre verrà concessa una chance in ritiro a Simone Fiore, reduce da un ottimo campionato con la Romana Fc, conclusa con la vittoria dei playoff del girone G dove ha conquistato la promozione la Cavese. Per il centrocampista 34 presenze totali, 3 gol e 2 assist. Per lui vale lo stesso discorso fatto per Maloku: spetterà a Troise valutarli per capire se sono già pronti al salto.

In attacco la priorità è una punta centrale che vada a completare il reparto. E qui, servirà un giocatore che faccia compire il salto di qualità a livello offensivo. Se si vuole raggiungere un top di reparto, per alzare la famigerata asticella, servirà anche uno sforzo economico. Pattarello, sul quale continuano a mettere gli occhi club di serie B, andrà via solo per un offerta irrinunciabile, mentre più sfumata la posizione di Iori che torna dopo i sei mesi alla Pergolettese. Il suo futuro verrà deciso dopo un confronto con il ds Cutolo.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su