Un brodino caldo per la Pantera. Interrotta la serie di sconfitte

La Lucchese torna a conquistare un risultato positivo in trasferta contro l'Olbia, dopo tre sconfitte consecutive. La partita è stata caratterizzata da diverse occasioni da entrambe le squadre, ma alla fine il risultato è rimasto in parità. Adesso la Lucchese si prepara per la gara di Coppa Italia contro la Spal.

6 novembre 2023
Un brodino caldo per la Pantera. Interrotta  la serie di sconfitte

Un brodino caldo per la Pantera. Interrotta la serie di sconfitte

Dopo tre sconfitte consecutive la Lucchese torna a conquistare un risultato positivo e lo fa in trasferta sul campo dell’Olbia. Prima dell’inizio del match è stato osservato un minuto di raccoglimento per le vittime dell’alluvione in Toscana. I rossoneri, come sempre, sono seguiti in questa trasferta non proprio agevole da una cinquantina di tifosi che li hanno incitati fino alla fine.

Gorgone deve fare a meno dell’infortunato Benassai: al suo posto, al centro della difesa, assieme a capitan Tiritiello, Merletti. Decide, quindi, di schierare un "4-3-3", dando maggior peso sia a centrocampo che attacco. Partono subito bene i rossoneri con Guadagni, la cui sforbiciata termina di poco a lato. L’Olbia fatica a venir fuori dalla propria metà campo e sono sempre i toscani che continuano a dettare legge e al 7’ ci prova Russo con una conclusione al volo che non inquadra, però, la porta.

Per vedere la prima azione pericolosa dei sardi bisogna attendere il 17’, con Nanni che mette la palla al centro, dove, però, Merletti e Chiorra non si capiscono, ma, fortunatamente, nessun giocatore di casa ci arriva. Al 22’ è Dessena che, ben servito da Contini, manda la palla alta sopra la traversa. Dieci minuti più tardi è Ragatzu che chiama Chiorra alla parata. La Lucchese torna nuovamente in avanti al 35’ con Magnaghi, ma la sua conclusione termina fuori a fil di palo. Ci prova anche Gucher al 38’, direttamente su punizione, ma il suo calcio piazzato finisce a lato. A due minuti dalla fine del primo tempo è l’"ex" Nanni che, con due tentativi, cerca di portare in vantaggio i padroni di casa, ma la difesa rossonera fa buona guardia. L’ultima occasione della prima frazione di gara è di marca rossonera, con Russo che ci prova direttamente dalla bandierina, ma Rinaldi respinge con i pugni. Il primo tempo finisce in parità, con la Lucchese che ha creato diverse occasioni, ma non è stata abbastanza cinica nel concretizzarle.

Nella ripresa sono ancora i ragazzi di di Gorgone che partono meglio e, al 4’, ci provano cn Russo, ma la sua conclusione è debole e centrale. Ancora Russo, all’8’, ha una ghiotta occasione, ma manda la palla alta. I sardi cercano di sfruttare le ripartenze e, al 12’, Biancu lascia partire un traversone per Ragatzu, ma la sua conclusione termina sul fondo. E’ un buon momento dei padroni di casa che, al 15’, di nuovo con Nanni, servito da Arboleda, mandano di poco alto. La Lucchese torna di nuovo in avanti al 17’ con Russo che chiama Rinaldi alla parata salva-risultato. E’ un botta e risposta e questa volta è Nanni che costringe alla respinta Chiorra. Ma la voglia di portare a casa i tre punti per la Lucchese è troppo forte. Al 27’ cross di Russo che attraversa tutta l’area di rigore, dove, però, né Magnaghi né Rizzo Pinna riescono ad arrivare. Ancora il funambolo rossonero al 31’ che, di testa, non trova lo specchio della porta.

La gara a questo punto si incanala sul binario sbagliato e sembra che entrambe le formazioni abbiano paura di scoprirsi e, alla fine, arriva un pareggio che serve alla Lucchese soprattutto per tornare ad ottenere un risultato positivo. L’Olbia, a pochi minuti dalla fine, ci prova con Ragatzu a sbloccare il match, ma il giocatore sardo è stato tenuto bene sotto controllo dalla difesa rossonera che non ha commesso grandi errori ed ha concesso poco agli avversari.

Adesso ci sarà da pensare alla gara di Coppa Italia di giovedì, alle 20.45, al "Mazza" di Ferrara, contro la Spal. Da capire se Gorgone deciderà di dare spazio a quei giocatori che, al momento, hanno giocato poco, anche se, in difesa soprattutto, le scelte sembrano essere obbligate, visti i numerosi infortuni. Per quanto riguarda il campionato i rossoneri torneranno di nuovo in campo lunedì prossimo, sempre in notturna, alle 20.45, contro la Virtus Entella.

R. L.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su