Una prodezza di Eccellenza. Lazzate espugna il fortino Sondrio. E vola in semifinale di Coppa Italia

L'Ardor Lazzate vince la sfida contro la capolista del girone B di Eccellenza grazie al gol di Andrea Benedetti. La Coppa Italia regionale di Eccellenza potrebbe diventare un obiettivo prestigioso per i gialloblù.

di ROBERTO SANVITO -
16 novembre 2023
Lazzate espugna il fortino Sondrio. E vola in semifinale di Coppa Italia

Lazzate espugna il fortino Sondrio. E vola in semifinale di Coppa Italia

Serviva un’autentica prodezza per scardinare la blindatissima difesa della Nuova Sondrio, la seconda meno battuta di tutta l’Eccellenza (dietro all’Ospitaletto) con otto gol presi in dodici gare di campionato, uno delle ultime sei. E a far saltare il banco ci ha pensato Andrea Benedetti, suo il sigillo che proietta l’Ardor Lazzate in semifinale di Coppa Italia regionale di Eccellenza. L’esterno classe 2003 firma un capolavoro 30 secondi dopo il 45’ del primo tempo conquistando palla poco prima della metà campo, seminando un paio di avversari per poi battere l’estremo difensore valtellinese con un preciso diagonale rasoterra di destro. È il gol che vale il passaggio del turno e una vittoria di prestigio contro la capolista del girone B di Eccellenza. E se le cose in campionato vanno così così per i gialloblù (sono decimi a meno 8 dalla vetta), la Coppa potrebbe diventare un obiettivo prestigioso, tra l’altro già nella bacheca di via Laratta. L’Ardor la vinse nel 2015 battendo in finale il Legnano a Sesto San Giovanni; in panchina c’era l’indimenticato Marco Campi. Nel secondo tempo la Nuova Sondrio non è rimasta a guardare spostando in avanti il suo baricentro. Bravissimo il giovane portiere Ferloni specie al minuto 85 quando col corpo chiude lo specchio della porta a Martinez, pescato solo all’altezza del dischetto del rigore.

Tanti i traversoni scodellati in area su cui la linea difensiva lazzatese non sbaglia un intervento. E nel finale, in contropiede, ci sarebbe anche la possibilità di chiuderla anzitempo, ma l’inserimento di Giangaspero non porta in dote altri gol. L’opportunità più ghiotta capita sui piedi di Lokumu che al 73’ da favorevole posizione, sugli sviluppi di una punizione, colpisce l’esterno della rete.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su