Il Bestia è tornato per aiutare Pecco: "Merito della mamma e di Alice"

Bastianini vince in Malesia, Bagnaia allunga su Martin. La Honda sceglie Marini, lascerà il team del fratello

di RICCARDO GALLI -
13 novembre 2023
Il Bestia è tornato per aiutare Pecco: "Merito della mamma e di Alice"

Il Bestia è tornato per aiutare Pecco: "Merito della mamma e di Alice"

Vince, stravince e si emoziona come un ragazzino, Enea Bastianini. Partenza perfetta, testa della gara immediata e gestione del Gp della Malesia a testa alta. Come ai vecchi tempi. Come non gli riusciva da una marea di tempo (420 giorni, Aragon 2022). Sorride e si commuove, il Bestia che con la sua vittoria, accende i riflettori sul primo matchpoint mondiale al compagno di team, Bagnaia che è salito sul podio (terzo gradino, alle spalle di Alex Marquez), lasciandosi una posizione dietro il rivale Jorge Martin e di conseguenza allungando di un punticino (da +13 a +14) il vantaggio sullo spagnolo della Pramac. Traduzione numerica: se domenica prossima, alla fine del Gp del Qatar, Pecco conquistasse 23 punti su Martin, avrà la possibilità di essere campione del Mondo per la seconda volta, dopo il titolo 2022.

La gara di ieri, Bagnaia l’ha gestita in modo scientifico con Martin, obiettivamente, meno cattivo rispetto alle ultime settimane. Martin ha provato a infastidire Pecco, l’ha puntato, sfiorato e in un paio di staccate al limite, era riuscito anche a superarlo, ma la risposta di Bagnaia è sempre stata glaciale. Mirata e vincente. Tutto questo mentre a prendersi la scena erano altri due fattori. La vittoria mozzafiato di Bastianini, la Tigre della Malesia e il consumo delle gomme che sulla pista bollente di Sepang, potevano creare grandi problemi ai duellanti per il titolo e rovinare la loro rincorsa al titolo.

"Sono felicissimo _ quasi grida il Bestia _. E’ tutto bello e incredibile. Volevo godermi questo momento non so da quanto. Ducati è stata perfetta, io… invece qualche sbavatura l’ho avuta, ma poi mi dicevo che non potevo mollare, non potevo perdere questa occasione di essere il numero uno. Ringrazio la mamma, la mia fidanza Alice _ chiude Enea _ che in questo 2023 buio mi sono state tanto vicino”.

Di sicuro il trionfo in Malesia è anche una risposta a chi vorrebbe Martin pronto a prendergli il posto sulla Desmo del team factory accanto a Bagnaia. "Il Bestia è stato straordinario _ è l’applauso che Pecco rivolge al compagno di team. Nessuno come lui meritava di vincere questa gara. Sono contentissimo per Enea, anche per tutto quello che si sta dicendo sul suo futuro…".

Poi Bagnaia racconta la sua emozione in vista della volata al titolo 2023 che lo vede a questo punto nettamente favorito su Martin. "In realtà il vantaggio che ho su Jorge è di soli 14 punti _ dice _. Quindi bisogna stare molto attenti e non posso concedermi margini di errore troppo ampi. Una cosa però mi ha fatto bene in questo Gp. Per la prima volta da qualche tempo ho battuto davvero Martin, nella velocità. Ero più veloce e sicuro che in qualsiasi modo l’avrei tenuto dietro. L’avrei ripreso e battuto". E se Pecco si sbilancia così…

Quanto al futuro, in Qatar arriverà l’ufficializzazione di un accordo che è già stato trovato, ed è epocale per questioni....di famiglia: Luca Marini lascerà il team del fratello Valentino Rossi e traslocherà alla Honda, che ha finalmente risolto il problema causato dalla partenza di Marc Marquez. Dal team del fratello sulla Ducati, Marini passerà al team ufficiale Honda.

Acosta campione. E la prima sentenza del 2023 è comunque già arrivata. Con il secondo posto di ieri, lo spagnolo Acosta è campione del Mondo della Moto2. Niente da fare per Arbolino.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su