Euro 2024: Mudryk, io qui mentre i miei affrontano i missili

In un video 13 giocatori ucraini descrivono effetti della guerra

14 giugno 2024
Euro 2024: Mudryk, io qui mentre i miei affrontano i missili

Euro 2024: Mudryk, io qui mentre i miei affrontano i missili

Non è facile mantenere la concentrazione necessaria a disputare un Campionato europeo sapendo che la propria famiglia intanto vive "giorno e notte" sotto una pioggia di missili russi. Ma è quello che deve affrontare Mykhailo Mudryk, attaccante dell'Ucraina e del Chelsea, anche se il pensiero va sempre alla sua città natale di Krasnograd. Lunedì 17 giugno l'Ucraina affronterà la Romania nella partita di apertura dell'Europeo in Germania. Mudryk è uno dei 13 giocatori che hanno descritto gli effetti della guerra sulle rispettive città d'origine in un video, prodotto dalla federazione calcistica nazionale, che raccoglie anche le testimonianze del terzino sinistro dell'Arsenal Oleksandr Zinchenko e del difensore del Bournemouth Ilya Zabarnyi. Così come dell'attaccante della Dynamo Kyev Mykola Shaparenko: il suo villaggio natale, Velyka Novosilka, "è stato completamente distrutto dalla Russia" racconta il giocatore. "Dall'inizio della guerra su vasta scala, la mia città è stata bombardata da missili giorno e notte" dice Mudryk. I suoi genitori, aggiunge, restano a Krasnograd e "continuano a costruire lì la loro vita e credono sempre nella vittoria dell'Ucraina". La città, luogo di nascita del portiere del Real Madrid Andriy Lunin, si trova nella regione di Kharkiv, nell'Ucraina orientale. "Le nostre città desiderano ospitare gli Europei, ma ora non combattono per il torneo, ma per la libertà - è il contributo di Andriy Shevchenko, ex attaccante del Milan e ora presidente della Federcalcio ucraina (UAF) - Non esiste calciatore, città, stadio, parco giochi o bambino ucraino che non sia stato toccato dalla guerra".

Continua a leggere tutte le notizie di sport su