Dai Predators continui cori per gli azzurri

I tifosi biancorossi al fianco della nazionale al PalaPrometeo.

6 settembre 2023
Dai Predators  continui cori   per gli azzurri

Dai Predators continui cori per gli azzurri

Nel colpo d’occhio offerto dal PalaPrometeo lunedì sera per Italia-Svizzera degli Europei, discreto ma non esaltante dato che c’erano poco più di 4mila presenze e diversi spazi vuoti (bene invece in tv, con 2 milioni e 400mila telespettatori), una menzione di merito va fatta proprio ai tifosi di Lube Nel Cuore. I Predators infatti si sono autonomamente organizzati ed hanno occupato un settore del palazzetto, incitando con continuità e varietà di cori i ragazzi del ct De Giorgi. Un esempio di tifo. Lunedì si sono presentati rigorosamente ed eccezionalmente di azzurro abbandonando il tradizionale rosso, pure i tamburi erano stati verniciati di blu….Erano oltre cento e stasera saranno altrettanti per la seconda ed ultima gara del girone in terra dorica contro la Germania, ore 21.05 sempre su Rai2 e Sky Sport. Dicevamo un esempio di tifo, preciso per inserirsi dal punto di vista temporale nella considerazione un po’ polemica fatta dal giornalista Marco Fantasia proprio nei giorni scorsi. La voce Rai per il volley al femminile aveva scritto che "Nei palasport italiani, e non solo, il tifo è scomparso. Non i tifosi…". Fantasia aveva sottolineato che "non esiste più uno spazio per far sentire il supporto alla propria squadra, ogni pausa del gioco è riempita (voglio dire invasa) dalla musica sparata a un livello insopportabile e dalle urla di speaker". Non ha tutti i torti, spesso è così, col pubblico versione "marionette". Poi ci sono sempre le eccezioni, come i tifosi di Lube Nel Cuore.

Andrea Scoppa

Continua a leggere tutte le notizie di sport su