Troppe nuvole sopra Bergamo . Contro Chieri caccia all’acuto

È tempo di cambiare marcia per risalire la china già stasera. Resta aperta la pista Mazzanti come futuro coach

di DIFULVIO D’ERI -
11 novembre 2023
Troppe nuvole sopra Bergamo . Contro Chieri caccia all’acuto

Troppe nuvole sopra Bergamo . Contro Chieri caccia all’acuto

di Fulvio D’Eri

La Volley Bergamo 1991 cerca l’acuto con Chieri per scacciar via le nuvole, riprendere la corsa verso una posizione più tranquilla e dare continuità ad un progetto tecnico che comincia a balbettare. La netta sconfitta subita a Roma, contro una squadra neopromossa, ha fatto precipitare la squadra allenata da coach Matteo Solforati in penultima posizione, con soli 3 punti, davanti solo alla Itas Trentino, ferma ancora al palo. Non era questa la posizione in cui Bergamo pensava di essere a questo punto della stagione, considerano che nelle prime sei giornate del girone di andata ha incontrato solo una "vera" big ovvero l’Allianz Vero Volley Milano, contro la quale ha giocato un gran match pur perdendo 3-1.

Per il resto Bergamo, pur vincendo all’esordio Casalmaggiore, ha perso contro compagini di medio (Vallefoglia e Firenze) e di basso cabotaggio (Cuneo e Roma), contro le quali avrebbe potuto e dovuto fare molto di più. La situazione comincia a farsi complessa perché è vero che di qui alla fine del girone di andata mancano ancora 7 giornate ma è altresì vero che Bergamo dovrà affrontare almeno 3 squadre, attualmente, fuori portata: Conegliano, Scandicci e Novara.

Tre big contro le quali sarà quasi impossibile far punti. A Bergamo c’è bisogno di una scossa e quando si arriva a questo punto in bilico c’è l’allenatore, almeno nell’immaginario collettivo, anche se, a dire il vero, tutte queste colpe coach Solforati non le ha perché la squadra, rispetto all’anno scorso, si è indebolita parecchio, con la partenza di un martello come la Lanier (a Conegliano) e con lo stop di Federica Stufi, capitano di lungo corso che era anche il collante del gruppo grazie al suo carisma e alla sua grande esperienza. A proposito del capitano, un suo post su Instagram apparso ieri purtroppo ha fatto intuire il suo dramma umano (la bambina che teneva in grembo non c’è più). La Fede potrebbe anche rientrare nel gruppo, ma per questo ci vorrà un po’ di tempo e soprattutto la volontà della società di reinserirla in un organico che, dopo l’acquisto della Melandri, ha già 3 centrali. Le voci su un possibile arrivo dell’ormai ex ct della nazionale Davide Mazzanti (probabilmente sondato dai dirigenti bergamaschi) negli ultimi giorni si sono fatte sempre più insistenti ma non c’è conferma da nessuna delle due parti.

Anzi, le dichiarazioni rilasciate dall’amministratore della Volley Bergamo Andrea Veneziani alla vigilia del match odierno dicono di una società unita. "È stata una settimana intensa – racconta l’amministratore Andrea Veneziani - in cui abbiamo visto mescolarsi rabbia e amarezza dopo il match di sabato scorso. Abbiamo cercato di stringerci intorno alla squadra e allo staff per dare tranquillità e cercare la strada giusta da imboccare". E Bergamo proverà a ritrovare la retta via già da stasera nel match previsto alle 18 al PalaFacchetti di Treviglio contro le quinte della classe di Chieri. A Bergamo serve una svolta, alla svelta, altrimenti Mazzanti potrebbe diventare più di una voce!

Continua a leggere tutte le notizie di sport su