Domani il Sei Nazioni: Allan resta a casa per motivi familiari, Ceccarelli e Mei infortunati. L’Italia sperimentale contro una super Francia. Pioggia di indisponibili, Quesada ne cambia sei

L'Italia del rugby affronta la Francia a Lille con una formazione rimaneggiata a causa di infortuni e defezioni. Il CT Quesada sperimenta tattiche nuove, puntando su giovani e cambi di posizione. Un arbitro italiano dirige per la prima volta nel Torneo.

di DIEGO FORTI -
24 febbraio 2024
L’Italia sperimentale contro una super Francia. Pioggia di indisponibili, Quesada ne cambia sei

La punta di diamante dell’Italia Monty Ioane confermato all’ala (foto Diego Forti)

Ieri l’Italia del rugby si è presentata a Lille dove domani alle 16 (in Tv su Sky Sport Uno e TV8) affronterà la Francia. Quindi niente aclimatamento con solo le finiture del Capitan Run a disposizione per conoscere l’avveniristico stadio Pierre-Mauroy. Ben più seri sono i guai riconducibili all’ennesima necessità di rivedere la formazione. Vuoi a causa dei molti infortuni che stanno travagliando la squadra, vuoi per alcune defezioni inattese. Sul fronte dei giocatori indisponibili la lista si è ulteriormente allungata con l’uscita dal gruppo di Allan (motivi familiari), Ceccarelli (imperfette condizioni fisiche) oltre che di Francois Mey. Come se non bastasse in allenamento è finito ko (frattura del metatarso) pure Nocera, che era stato convocato come pilone di rincalzo stante l’assenza di Ceccarelli. Per Quesada, una volta di più, la necessità di allestire la formazione con il materiale a disposizione. Un compito decisamente arduo specie se si considera che la Francia ha deciso di mandare in campo il suo XV più collaudato.

In ogni caso il ct azzurro, pur in ristrettezze sotto il profilo della rosa, ha programmato alcuni esperimenti tattici. Intanto ha rivisto la terza linea. Come? Inserendo Ross Vincent in terza centro, con Riccardo Favretto n. 6 come ball carrier, ovvero due quasi debuttanti con un cap scarso a testa. Unico esperto del reparto capitan Lamaro restituito al suo ruolo di terza ala. Altra mossa tattica degna di attenzione lo spostamento di Menoncello all’ala, con Mori primo centro e Brex secondo. Vedremo se assieme alla quasi inedita coppia di mediani formata da Page-Relo (9) e Garbisi (10), gli esperimenti del ct saranno forieri di buone novelle. Di sicuro una’ ottima notizia per i nostri colori arriva dal fronte arbitrale, oggi per la prima volta nella storia del Torneo un arbitro italiano, Andrea Piardi, è chiamato a dirige una partita, per la cronaca: Irlanda-Galles, in programma a Dublino alle 15.15 (in Tv su Sky Sport Arena).

FORMAZIONE DELL’ITALIA

15 Ange Capuozzo, 14 Tommaso Menoncello, 13 Juan Ignacio Brex, 12 Federico Mori, 11 Monty Ioane, 10 Paolo Garbisi, 9 Martin Page-Relo, 8 Ross Vintcent, 7 Michele Lamaro, 6 Riccardo Favretto, 5 Federico Ruzza, 4 Niccolò Cannone, 3 Giosuè Zilocchi, 2 Giacomo Nicotera, 1 Danilo Fischetti.

In Panchina: 16 Gianmarco Lucchesi, 17 Mirco Spagnolo, 18 Simone Ferrari, 19 Matteo Canali, 20 Andrea Zambonin, 21 Manuel Zuliani, 22 Stephen Varney, 23 Leonardo Marin.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su