Golf, dopo lo spettacolo della Ryder i campioni tornano in campo in Scozia

Con ancora l'eco del successo del torneo a Roma, i giocatori del DP World Tour sono nuovamente di scena

di ANDREA RONCHI -
4 ottobre 2023
Guido Migliozzi

Guido Migliozzi

Dopo la spettacolare edizione della Ryder Cup, disputata per la prima volta in Italia sul percorso del Marco Simone Golf & Country Club di Guidonia Montecelio (Roma) e celebrata in tutto il mondo per l’alto livello tecnico espresso dal Team Europe, vincitore, e dal Team Usa, per lo scenario suggestivo in cui si è svolta, per il numero di spettatori oltre le attese e per la perfetta organizzazione, riprende il DP World Tour.

Si riparte con l’Alfred Dunhill Links Championship, a cui parteciperanno Renato Paratore e Guido Migliozzi, uno degli eventi classici del circuito che si disputa dal 5 all’8 ottobre sui tre percorsi scozzesi dell’Old Course di St. Andrews, del Carnoustie Golf Links a Carnoustie e del Kingsbarns Golf Links a Kingsbarns. Si gioca con formula pro am a coppie, formate da un pro e da un dilettante, in cui figureranno personaggi del mondo dello sport, dello spettacolo e della cultura.

In gara tre giocatori del Team Europe

Fari puntati su tre giocatori del Team Europe, reduci dalla Ryder Cup: lo scozzese Robert MacIntyre e gli inglesi Matt Fitzpatrick e Tommy Fleetwood, quest’ultimo autore del 15° punto, quello che ha dato la certezza della vittoria alla formazione guidata da Luke Donald. Annunciato in ottima condizione anche il neozelandese Ryan Fox, campione in carica, 36enne di Auckland, quattro titoli sul tour, l’ultimo a metà settembre (BMW PGA Championship). Il quartetto sarà tra i favoriti in un field di qualità che comprende 19 vincitori stagionali tra i quali ricordiamo i sudafricani Thriston Lawrence e Deon Germishuys, i danesi Thorbjorn Olesen e Rasmus Hojgaard, gli inglesi Daniel Gavins, Todd Clements, Daniel Brown e Dale Whitnell, i francesi Antoine Rozner e Victor Perez, lo spagnolo Jorge Campillo e il polacco Adrian Meronk. Da seguire anche gli statunitensi Billy Horschel, Matt Kuchar e Talor Gooch (quest’ultimo membro nella LIV Golf), i sudafricani Thomas Aiken e Dean Burmester, il tedesco Yannik Paul e l’indiano Shubhankar Sharma.

Dalla Ryder Cup anche due vicecapitani continentali, il belga Nicolas Colsaerts e il danese Thomas Bjorn, alla gara numero 600 sul tour. In chiave azzurra quanto mai importante il torneo per Paratore, in corsa per assicurarsi la ‘carta’ per il circuito 2024, mentre Migliozzi cerca l’exploit stagionale. Il montepremi è di 5.000.000 di dollari (circa 4.750.000 euro).

Sette past winner

All’evento, iniziato del 2001 e giunto alla 22ª edizione, prenderanno parte sette past winner: i citati Fox, Perez (2019) e Olesen (2015), quindi l’inglese Oliver Wilson (2014), l’irlandese Padraig Harrington, autore di una doppietta (2002-2006), lo scozzese Stephen Gallacher (2004), che ha guidato al successo i giovani europei nella Junior Ryder Cup (in squadra Francesca Fiorellini e Giovanni Daniele Binaghi), e l’inglese 48enne David Howell (nel 2013 l’ultimo di cinque titoli), che si appresta a divenire il giocatore con più presenze sul DP World Tour (722). Distaccherà il 59enne spagnolo Miguel Angel Jimenez con il quale al momento è alla pari a quota 721. Da rilevare che Howell in stagione ha giocato 14 tornei, inseguendo il record, senza mai superare il taglio.

Le celebrità sul tee di partenza

Nella Pro Am affiancheranno i professionisti numerosi noti personaggi appassionati di golf tra i quali gli attori Andy Garcia, Catherine Zeta-Jones, Billy Murray, Kathryn Newton e Matthew Goode, gli ex calciatori Ruud Gullit e Gareth Bale, ed esponenti del mondo musicale passato e presente come il cantautore Ronan Keating, Tom Chaplin dei Keane, Dave Farrell dei Linkin Park, Mike Rutherford dei Genesis, Mike dei The Mechanics, Huey Lewis e Tico Torres di Bon Jovi.

La formula

Si gioca sulla distanza 72 buche con taglio dopo le prime 54 in cui i concorrenti si alterneranno sui tre tracciati. Saranno ammessi al round conclusivo i primi 60 pro della classifica individuale e le prime 20 coppie di quella a squadre, oltre ai pari merito con l’ultimo punteggio utile di qualifica.

Il torneo su Sky e in streaming su NOW

L’Alfred Dunhill Links Championship sarà trasmesso da Sky, sul canale Sky Sport Golf, e in streaming su NOW. Prime tre giornate, dalle ore 13 alle ore 18; quarta giornata, dalle ore 12,30 alle ore 18. 

Continua a leggere tutte le notizie di sport su