F1, Sainz in Red Bull nel 2025? Horner: “Non posso escluderlo”

Il ferrarista alla ribalta dopo la vittoria in Australia. Con l’arrivo di Hamilton a Maranello, è rimasto senza contratto per la prossima stagione. Non solo Red Bull, su Carlos anche Mercedes e Audi

27 marzo 2024
Carlos Sainz chiuderà la sua esperienza in Ferrari a fine stagione

xpbimages.com

Carlos Sainz alla Red Bull nel 2025 è un’ipotesi concreta. Ci sono ancora tantissimi aspetti da valutare, ma il nome del pilota spagnolo, senza contratto per la prossima stagione dopo lo sbarco di Lewis Hamilton alla Ferrari, è sul tavolo dei vertici della scuderia di Milton Keynes. E lo stesso team principal Christian Honer non fa nulla per nasconderlo. Anzi. “Sulla base di una prestazione come quella in Australia, non si può escludere nessuna possibilità, quindi penso che si voglia solo prendere il tempo per decidere", le parole di Horner a Motorsport, in merito al possibile approdo di Sainz nella scuderia anglo-austriaca dal 2025.

Approfondisci:

F1, Sainz dal letto d’ospedale al trionfo in Australia: "Pazzesco, pensavo di non poter correre"

F1, Sainz dal letto d’ospedale al trionfo in Australia: "Pazzesco, pensavo di non poter correre"

D’altronde su Carlos hanno messo gli occhi diversi team. Come, appunto, la Red Bull: il team campione del mondo è apparso meno brillante del solito in Australia. E complice le tensioni interne, la monoposto di Max Verstappen ha mostrato qualche difficoltà e una minore affidabilità in gara. Il guasto che domenica ha costretto l'olandese al ritiro è un campanello d'allarme. Il futuro della Red Bull è incerto. E così proprio Sainz potrebbe essere chiamato a sostituire il messicano Sergio Perez per tornare a far coppia con Verstappen, come ai tempi della Toro Rosso nel 2015 e nel 2016.

Non solo la Red Bull. Alla finestra per Sainz ci sono Mercedes, che deve appunto rimpiazzare Hamilton, e Audi, pronta a entrare in Formula 1 nel 2026.

Di certo nel resto della stagione lo spagnolo cercherà di fare il possibile per mettersi in mostra e fa comprendere alla Ferrari che quella di lasciarlo andare forse non è stata la scelta giusta.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su