Marcell Jacobs, quanta fatica: nei 100 metri di Ostrava è terzo in 10.19

Al Golden Spike il campione olimpico è autore di una prova opaca: “Le gambe non lavoravano”. Vittoria per De Grasse (10.10), secondo Forde (10.17)

di GIULIANA LORENZO -
28 maggio 2024
Marcell Jacobs

Marcell Jacobs

Ostrava, 28 maggio 2024 – Parlare di allarme è forse esagerato, ma Marcell Jacobs ancora fatica a trovare la forma fisica e i tempi dei giorni migliori. A dieci giorni dall’Europeo di Roma e a un paio di mesi dalle Olimpiadi di Parigi, il velocista al Golden Spike di Ostrava, meeting Gold del Continental Tour, non va oltre un terzo posto nei 100 metri.

Piazzamento a parte, preoccupano soprattutto i tempi: ancora una volta non riesce infatti ad abbassare il crono sotto i dieci secondi e si deve accontentare di un deludente 10.19. Jacobs si vede superare al traguardo dal canadese e compagno di allenamento alla corte di Rana Reider, Andre De Grasse, primo con 10.10 e dal giamaicano Ryiem Forde, secondo in 10.17.

"È stata una brutta gara – ha detto Jacobs –, devo capire cosa è successo. Dopo 40 metri le gambe non lavoravano, non avevo potenza e velocità: ne parlerò con il coach, devo tornare a gareggiare tra due giorni”.

Rispetto alle uscite precedenti si sono visti segnali positivi in partenza ma nel “lanciato” Jacobs è apparso contratto e incapace di dare l’accelerata decisiva. Quella di Ostrava è quindi una gara da cancellare e da esaminare per capire cosa non fare in vista dei prossimi appuntamenti.

Per l’agente delle Fiamme Oro questa era la terza uscita stagionale, dopo il 10.11 all’esordio in Florida e il 10.07 fatto allo Stadio dei Marmi di Roma. Ora, prima di tornare in gara proprio nella capitale, saràin pista tra due giorni a Oslo, tappa della Diamond League. In Norvegia ci si aspetta una prova diversa e una risposta cronometrica di un altro livello anche perché a dargli del filo da torcere ci sarà pure l'americano Fred Kerley.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su