Nuoto, con una strepitosa Gabbrielleschi l'Italfondo centra l'argento ai Mondiali di Doha

Grande prima prova della 27enne campionessa pistoiese, tornata a nuotare sui suoi standard. Le sue paole e quelle del suo tecnico Massimiliano Lombardi

di GIANLUCA BARNI -
8 febbraio 2024
La staffetta azzurra, argento a Doha: la prima da destra è Giulia Gabbrielleschi
La staffetta azzurra, argento a Doha: la prima da destra è Giulia Gabbrielleschi

Doha (Qatar), 8 febbraio 2024 – Il grande ritorno della pistoiese Giulia Gabbrielleschi ha coinciso con una splendida medaglia d’argento per l’Italfondo. I Mondiali di Doha, infatti, si colorano d’argento per la 27enne campionessa pistoiese: Gabbrielleschi, assieme ai compagni azzurri, ha conquistato il secondo posto nella staffetta 4x1500 metri, che ha chiuso il programma iridato del nuoto di fondo in Qatar. Anche grazie a una prima frazione “monstre” di Giulia, l’Italia è stata in grado di lottare per l’oro sino all’ultimo: oro, per inciso, svanito per soli 2 decimi.

Gabbrielleschi (15’36”2 il tempo con cui ha concluso la sua frazione), Arianna Bridi (16’46”3), Gregorio Paltrinieri (15’01”4) e Domenico Acerenza (16’04”3) si sono piazzati alle spalle dell’Australia, che si è imposta in 1h03’28”00, con due decimi di vantaggio appunto sugli azzurri. Bronzo all’Ungheria in 1h04’06”8. Fuori dal podio la Germania in 1h04’11”6. “Più di così sarebbe stata dura – ha asserito Giulia appena ultimata la prova –. Sono contenta di essere tornata a nuotare la staffetta e aver offerto una buona prestazione. In queste gare, la strategia è molto importante. Anche perché schierando due coppie per genere è necessario gestire bene le frazioni.

Per noi femmine è importante mantenere le posizioni. Il mio compito era placcare l’australiana. Ci sono riuscita e ho nuotato in buone posizioni”, chiosa la 27enne pistoiese allenata da Massimiliano Lombardi, bronzo europeo in carica nella breve distanza e bronzo mondiale a Budapest 2022 anche nella staffetta, settima a Doha nella 5 chilometri. “Giulia ha nuotato alla grande nella prima frazione di gara ed è stata determinante per escludere dalla lotta per il primo posto Francia, Stati Uniti e Ungheria – il commento di Lombardi, anche stavolta inserito nello staff tecnico della Nazionale italiana –.

Purtroppo la seconda frazione è stata al di sotto delle aspettative e nonostante il notevole recupero di Paltrinieri, che era ampiamente previsto, il maggior spunto di velocità del quarto australiano ci ha sfilato il titolo per due soli decimi”. Ma l’importante, oltre a essere diventati vice campioni del mondo, è aver rivisto Giulia Gabbrielleschi in formato-super. “La prima frazione partiva dal pontone principale e quindi era un pochino più corta, ma nel raffronto con le avversarie ha fatto un risultato stratosferico”, esulta, una volta tanto, Max Lombardi. E tutti i pistoiesi con lui: il grande cuore di Giulia ha colpito ancora.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su