Sinner d’Australia, come un ciclone. Jannik lascia quattro giochi a Baez. Gli ottavi conquistati di slancio L’Italia fa le ore piccole per lo show

Sempre più dominatore: nessuno tra i favoriti ha impressionato quanto l’altoatesino a caccia del primo Slam. Ora c’è il russo Khachanov e il Rosso dei sogni è favorito. Anche i bookmakers lo vedono più vicino al titolo . .

di PAOLO FRANCI -
20 gennaio 2024
Jannik lascia quattro giochi a Baez. Gli ottavi conquistati di slancio  L’Italia fa le ore piccole per lo show
Jannik lascia quattro giochi a Baez. Gli ottavi conquistati di slancio L’Italia fa le ore piccole per lo show

"Sinner the winner". Non è solo la rima un po’ scontata dello striscione srotolato sulle tribune della Margaret Court Arena. E’ quanto accaduto contro Sebastian Baez, e quanto speriamo che accada alla fine di questi Australian Open.

La Grande Speranza Rossa è scivolato via tra i pali del match, giusto per metaforizzare l’antica passione per lo sci di Sinner, a una velocità impressionante contro Sebastian Baez, ’el Pollito’, il pulcino, argentino figlio delle isole Falkland e numero 29 del mondo. 6-0, 6-1, 6-3 il punteggio di un match che non ha avuto storia sin dai primi scambi. Sinner si è portato sul 4-0 in un lampo, concedendo pochissimo all’avversario che in qualche modo ci ha provato ad aprirsi il campo, incassando però il tennis-grandine di Sinner che lo ha letteralmente macinato. Il secondo set parte col ’Pollito’ che riesce a centrare il primo game della sua partita portandosi 1-0. Sembra l’incipit di un match più equilibrato. E’invece, pallida illusione perchè Sinner si arrampica veloce sul match piazzando il break nel quarto game e procedendo in un monologo di potenza, ritmo e precisione che schianta Baez. Nel terzo set Baez ci riprova, approfitta di un attimo di rilassamento di Sinner e quando va sul 2-1 del terzo set pare che possa vedere luce. E invece break al quinto game e 6-3 finale. Dirà poi Sinner: "Scegliere di non giocare tornei prima dello Slam australiano e lavorare in modo specifico sta pagando e sono molto contento". In Italia c’è però il rammarico dell’orario proibitivo, le 2 del mattino: "Purtroppo non sono io a decidere di andare in campo sempre a mezzogiorno, le 2 del mattino in Italia... In ogni caso voglio dire grazie ai tifosi per il sostegno in tv in piena notte". Poi l’analisi della volata contro Baez: "Sento bene la palla, sono concentrato e prendo le decisioni giuste".

Sensazioni positive per l’avversario che sta arrivando, il russo Karen Khachanov numero 15 del ranking, 27 anni con il miglior risultato nel 2018, quando ha battuto Djokovic vincendo in finale nel Master 1000 di Parigi, e lo scorso anno quando proprio qui a Melbourne è arrivato in semifinale grazie anche a un tabellone che gli è stato amico. "Con Karen abbiamo sempre giocato match combattuti, a entrambi piace giocare sul ritmo e sarà divertente". I precedenti dicono 2-1 Khachanov, ultimo precedente nel 2021, ma era un altro Sinner. E infatti i bookmaker vedono Rosso: per Snai vittoria scontata contro il russo a 1,09 e primo Slam di Sinner a 5,00 per Better, dietro a Nole (2,50) e Carlitos Alcaraz (3,50).

Continua a leggere tutte le notizie di sport su