Milan, Pioli: “Con la Juve una partita da giocare con pulizia tecnica”. Formazioni e dove vederla

Loftus-Cheek non recupera, su Tonali: “Gli voglio più bene di prima”

di ILARIA CHECCHI -
21 ottobre 2023
Stefano Pioli

Stefano Pioli

Milano, 21 ottobre 2023 – Stefano Pioli spera di farsi un regalo di compleanno posticipato (ha compiuto ieri 58 anni) battendo domani sera la Juventus al cospetto di un San Siro sold out, con oltre 70mila tifosi presenti. Per farlo, il tecnico emiliano dovrà fare a meno degli squalificati Theo Hernandez e Maignan, nonché degli infortunati Chukwueze, Sportiello e Loftus-Cheek: “

"Recuperiamo Krunic e Kalulu, purtroppo non recuperiamo Loftus perché è guarito dalla lesione muscolare che ha avuto ma non è ancora al 100% per essere con noi, ma mi auguro di poterlo avere nelle prossime gare” la conferma di Pioli. Considerando anche i due match successivi contro PSG (mercoledì) e Napoli (domenica prossima), contro i bianconeri ci sarà Mirante in porta: “Massima fiducia per Antonio. È un portiere esperto, affidabile, dentro in tutto per tutto in quello che stiamo facendo, è stimato dai compagni per qualità tecniche e morali. Non serve dire tanto ad un giocatore così esperto e pronto per fare la sua partita domani”.

Big match

"Sto provando tanta emozione, con l’orgoglio di lavorare con ragazzi così, con un club che mi ha sempre sostenuto nei momenti difficili e con un pubblico che non ha eguali. La sosta ci ha messo alle spalle la grandissima emozione vissuta a Genova: ci siamo ritrovati tutti giovedì, è stata una bella giornata. I ragazzi mi hanno fatto belle sorprese, siamo stati bene con i dirigenti e lo staff: mi piace quando ci emozioniamo nel condividere qualcosa, anche questo è da portare in campo. Noi abbiamo la nostra energia da prendere dai nostri tifosi, anche domani ci sarà un grandissimo San Siro. Sono caratteristiche che ci fanno essere più compatti e possibilmente ancora più forti. La Juve? Loro sono terzi, la lotta per lo scudetto per il momento si rivolge a quattro squadre. Per noi è importante ripartire dalle cose buone che stiamo facendo e migliorare quello che si può. Gli avversari sono una squadra costruita per vincere: non sarebbe importante vincere per mandare la Juventus a -7, ma per il nostro cammino e la continuità delle nostre prestazioni. Giroud e Leao sono fortissimi, se vinciamo con gol di altri giocatori va benissimo lo stesso. Devono essere bravi i nostri giocatori a capire le situazioni, non è scontato che la Juve non faccia una fase difensiva di aggressione, è una Juve diversa. Abbiamo come piccolo riferimento l'amichevole a Los Angeles, lì non sono stati per niente attendisti, siamo preparati per entrambe le situazioni. Dovremo gestire bene la palla, loro sono forti fisicamente e nelle ripartenze. Una partita da giocare con pulizia tecnica ed intelligenza tattica”.

Infortuni

"Vorrei avere sempre tutti a disposizione, soprattutto prima di una settimana così impegnativa. Ma ho giocatori pronti, forti, che ci credono, che lottano. Quindi avanti con tanta energia per mettere in campo la miglior prestazione possibile e portare a casa il miglior risultato possibile. Chukwueze? L'alternativa più giusta è sicuramente Romero che sta facendo benissimo. Sarò molto contento se troverà spazio in queste partite per come si sta allenando, per la qualità e l'intensità che ci mette nel lavoro. Sono tranquillissimo, se Pulisic deve recuperare qualche situazione o qualche minutaggio allora Romero è sicuramente pronto. Anche Musah potrebbe giocare lì, con altre caratteristiche. Okafor un po' meno: è vero che fa l'esterno, ma preferisce giocare a sinistra. Abbiamo delle coppie, mi sento protetto in tutte le posizioni”.  

Adli

Tanti i complimenti rivolti ad Adli: "L’ho visto cantare il coro dei tifosi, a me piace quando i giocatori si identificano così tanto. Lui è un artista anche nella vita, suona e canta, ci ha deliziato fuori dal campo e ora deve farlo anche in campo. Ha grande volontà e intelligenza, deve però prendersi meno rischi quando ha palla. Però allo stesso tempo ci dà verticalizzazioni importanti. Deve capire che la sua posizione è importante in entrambe le fasi di gioco. Ha voluto restare con determinazione nel nostro percorso, per le sue qualità si merita tutto questo e ha ancora ampi margini di spazio. Può avere un grande futuro”.

Caso scommesse

Pioli riflette anche sul tema che ha coinvolto il suo ex giocatore Sandro Tonali: "Siamo sorpresi e sotto shock per questa situazione. Il nostro pensiero va a Tonali, non lo voglio giudicare per quello che ha eventualmente commesso, Mi piacerebbe giudicarlo per come riuscirà a superare questo momento, per la voglia che avrà nel voler trasformare questa situazione negativa in qualcosa di positivo per lui. Qualcosa che magari possa diventare un esempio. Se a Sandro volevo bene ‘dieci’, ora gli voglio bene ‘cento’, sa che in qualsiasi momento io sono sempre al suo fianco e proverò ad aiutarlo”.

Probabili formazioni

MILAN (4-3-3): Mirante; Calabria, Thiaw, Tomori, Florenzi; Musah, Adli, Reijnders; Pulisic, Giroud, Leao. All. Pioli. JUVENTUS (3-5-2): Szczesny; Gatti, Bremer, Rugani; Weah, McKennie, Locatelli, Raibot, Kostic; Vlahovic, Milik. All. Allegri.

Dove vederla

Milan-Juventus, domenica 22 ottobre, sarà trasmessa in diretta e in esclusiva su DAZN con collegamento a partire dalle 20:00.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su