Modena Sampdoria 0-2: serataccia per i gialloblù. L’ospite segna due gol, ringrazia e se ne va

Dopo un buon inizio, i canarini soffrono l’aggressività dei blucerchiati che vanno in vantaggio. Il raddoppio nella ripresa. Espulso Abiuso

di ALESSANDRO TRONCONE -
11 novembre 2023
Bonfanti si dispera per l’intervento del portiere della Sampdoria, che gli ha negato il gol

Bonfanti si dispera per l’intervento del portiere della Sampdoria, che gli ha negato il gol su un suo tiro potente ma troppo centrale

Modena, 11 novembre 2023 – Una serata da catalogare come "serataccia". Gira quasi tutto male al Modena, la striscia di vittoria viene interrotta dalla Samp di Pirlo. Non un passo indietro, sia chiaro. L’avversario è stato bravo e ha detto "grazie" quando sono capitate le due occasioni che hanno portato ai gol.

C’è abbondante intensità in campo. La Samp ci mette una buona dose di fisicità, soprattutto a centrocampo dove il Modena, invece, si lascia andare a qualche inesattezza di troppo con la palla tra i piedi ma è molto bravo sugli esterni. Occasioni non se ne vedono, per questo motivo. Si vedono potenziali situazioni pericolose, il Modena ne costruisce almeno un paio con Oukhadda (protagonista di un traversone insidiosa mancato dagli attaccanti) e Duca, ma i canarini amano smisuratamente arrivare in area col pallone. Dalla metà del primo tempo iniziano le difficoltà anche in fase difensiva. Si notano maglie un pochino larghe, il reparto non è compatissimo come ci ha abituato ad essere ultimamente e la Samp, grazie al lavoro di Borini e De Luca, comincia a mettere alla prova Zaro e Riccio. Fino al 32’. Duca si fa scippare la sfera a centrocampo, De Luca sfugge alla marcatura di Zaro, palla dentro per l’accorrente Esposito il cui tiro è pure sporcato ma va a beffare Gagno e i blucerchiati trovano il vantaggio sotto i quasi 3.000 genovesi.

Sul finire della prima frazione il Modena recrimina, giustamente, per un contatto tra Ghilardi e Duca in area di rigore: contatto che avrebbe meritato un fischio o, comunque, una revisione. Quella forza nervosa la squadra di Bianco la riporta anche a inizio ripresa: al 48’ l’azione canarina libera Bonfanti in area, il mancino dell’attaccante trova un intervento prodigioso di Stankovic. Il ritornello della partita, tuttavia, non cambia. È a centrocampo che i gialloblù soffrono, le maglie blucerchiate accerchiano il gioco di Magnino e Palumbo, Bianco inserisce Bozhanaj e Abiuso e almenta le soluzioni offensive. Il problema resta la disattenzione in fase di non possesso e al 63’ la Samp punisce ancora: cross dalla destra, raccoglie Vieira sul secondo palo, comodamente per Kasami che dal limite infila l’angolo alla destra di Gagno. Cresce il nervosismo. Al 77’ il neo entrato Abiuso prima si fa ammonire per proteste (dopo un fallo commesso) ma le proteste proseguono e Ayroldi lo caccia fuori. Polemiche e serataccia generale, il Modena si ferma qui e dà appuntamento a dopo la sosta.

Il tabellino

Modena 0 – Sampdoria 2

Modena (4-3-2-1): Gagno; Oukhadda (71’ Guiebre), Riccio, Zaro, Ponsi; Duca (56’ Bozhanaj), Magnino (71’ Battistella), Palumbo; Tremolada (80’ Falcinelli), Manconi; Bonfanti (56’ Abiuso). All.: Bianco

Sampdoria (4-3-2-1): Stankovic; Depaoli, Ghilardi, Gonzalez Giordano (91’ Barreca); Kasami, Yepes. Vieira; Esposito (84’ La Gumina), Borini (76’ Askildsen): De Luca. All.: Pirlo

Arbitro: Ayroldi di Molfetta

Reti: 32’ Esposito, 63’ Kasami

Ammoniti: Ghilardi. Magnino, Borini, Guiebre, Battistella, Abiuso Espulsi: Abiuso al 77’ Angoli: 4 a 2. Recupero: 1’ p.t., 5’ s.t. Spettatori: 13.337

Continua a leggere tutte le notizie di sport su