Calabria amara per la Reggiana: il Cosenza si impone 2-0

Una prova sbiadita per i granata: due distrazioni difensive letali e poca pericolosità in fase offensiva; ora la sosta, si torna in campo a Reggio con l'Ascoli sabato 25 novembre

di GIUSEPPE MAROTTA -
11 novembre 2023
Cosenza-Reggiana

Cosenza-Reggiana

Reggio Emilia, 11 novembre 2023 – In Calabria è arrivata la quarta sconfitta in questa Serie B per la Reggiana: una brutta prestazione dei granata. Non hanno subìto tantissimo (gara diversa da quella di Terni, per intenderci), ma hanno fatto tanta fatica a rendersi pericolosi in fase offensiva, oltre ad aver commesso due "dormite" difensive. In attesa del completamento del turno, Reggiana tredicesima a 15 punti.

Tanta sfortuna anche col Var, con qualche dubbio su un paio di decisioni. Il gol del vantaggio di Voca (tiro in area dopo parata di Bardi su Forte e successivo tocco di Tutino) ha richiesto un paio di minuti di attesa per la verifica della posizione di Forte, in gioco di pochi centimetri. Poco prima della pausa Forte si mangia il 2-0.

Dubbi su uno scontro Antiste-Micai, ma soprattutto dubbi su un pestone di Tutino su Antiste. Nel primo caso si è trattato, però, di uno scontro fortuito, ma nel secondo Tutino ha rischiato molto: graziato da un fallo subìto ravvisato una frazione di secondo prima dello stesso Antiste.

Nella ripresa ancora Var avverso: al 50’ Bianco subisce un colpo, ed è rigore. Si va, però, alla revisione al monitor, e Baroni revoca il penalty perché Voca ha preso prima la palla. Episodio dubbio.

Al 77’ Pieragnolo trova un gran gol con sinistro al volo all’angolino, ma si alza la bandierina per un fuorigioco di Gondo precedente.

Al minuto 82 Kabashi aggancia Florenzi: è rigore (netto). Bardi para, ma Tutino (che aveva sbagliato) ribadisce in rete sul tap-in. Non un pomeriggio fortunato al "Marulla".

Nel primo tempo ci aveva provato Girma (oggi male): tiro masticato. È mancata tanta cattiveria lì davanti, e al Cosenza è bastato approfittare di due errori difensivi della Reggiana per vincere.

Ora c’è la sosta: sabato 25 novembre il prossimo incontro. A Reggio arriverà l’Ascoli (ore 14).

Il tabellino

COSENZA-REGGIANA 2-0 COSENZA (4-2-3-1): Micai; Martino, Venturi, Meroni, D’Orazio; Calò, Praszelik (41’st Zuccon) ; Mazzocchi (25’st Marras), Voca (31’st Florenzi), Tutino; Forte (41’st Zilli). A disp.: Marson, Sgarbi, Rispoli, Fontanarosa, Crespi, Arioli, Canotto, La Vardera. All.: Caserta REGGIANA (4-3-2-1): Bardi; Szyminski (30’st Fiamozzi), Rozzio, Marcandalli, Pieragnolo; Portanova, Bianco (18’st Cigarini), Crnigoj (18’st Kabashi); Antiste (40’st Melegoni), Girma (30’st Varela); Gondo. A disp.: Sposito, Satalino, Libutti, Da Riva, Nardi. All.: Nesta Arbitro: Baroni di Firenze (Bottegoni di Terni e Belsanti di Bari; IV ufficiale Costanza di Agrigento; Var Maggioni di Lecco, Avar Muto di Torre Annunziata) Reti: Voca al 23’pt, Tutino al 39’st. Note: ammoniti Mazzocchi, Portanova, Voca, Marcandalli, Cigarini, D’Orazio e Praszelik. Angoli: 3-2. Recuperi: 5’ e 6’. Bardi para un rigore di Tutino al 39’st.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su