Ciclismo, morto Gaiardoni: mito della pista con i due ori a Roma 1960

Il campione di origine veronese aveva 84 anni, nell’Olimpiade in Italia trionfò nella velocità e nel chilometro da fermo. La grande rivalità con Maspes

30 novembre 2023
Sante Gaiardoni si era trasferito presto per correre a Milano e aveva anche aperto un negozio di bici punto di riferimento per gli appassionati
Sante Gaiardoni si era trasferito presto per correre a Milano e aveva anche aperto un negozio di bici punto di riferimento per gli appassionati

Milano, 30 novembre – E’ morto Sante Gaiardoni, l'unico italiano a vincere due medaglie d'oro, nel chilometro da fermo e nella velocità, all'Olimpiade di Roma 1960. Il mito del ciclismo su pista aveva 84 anni ed era nato a Villafranca di Verona. Aveva iniziato la sua carriera nel tandem, specialità nella quale conquistò il titolo italiano nel 1957 e nel 1958.

Nei Giochi disputati in Italia si prese la scena, vincendo la prova di velocità coprendo i 200 metri lanciati in 11 secondi, allora record del mondo, e anche nel chilometro da fermo il tempo di 1’07”27 fu un primato.

Dopo il successo olimpico, Gaiardoni era poi passato al professionismo, dando vita a una lunga rivalità con il fuoriclasse Antonio Maspes, che aveva sette anni in più e che arrivò a conquistare in carriera sette ori mondiali: solo uno quello vinto invece dal veronese, nel 1963 nella velocità, ma battendo proprio Maspes (che però mai arrivò all’oro olimpico). Il duello fra i due campioni azzurri accese l’entusiasmo degli sportivi in un’epoca in cui il ciclismo su pista godeva di grande popolarià. 

Gaiardoni si era poi ritirato nel 1971.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su