Pozzovivo da record: contratto con la VF Group-Bardiani CSF-Faizanè. Obiettivo il Giro d’Italia 2024

Nel 2024 il lucano sarà ancora in gruppo prima di ritirarsi: "Batto il primato di Panizza al Giro e lo faccio con la squadra che mi ha lanciato nel 2005"

di GIUSY ANNA MARIA D'ALESSIO -
25 febbraio 2024
Domenico Pozzovivo (Ansa)

Italian rider Domenico Pozzovivo of Movistar team looks on upon his arrival to sign in ahead of the departure of the 12th stage of the 2020 Giro d'Italia cycling race over 182 km from Cesenatico to Cesenatico Italy, 15 October 2020. The 103rd Giro d'Italia is scheduled from 3 to 25 October. ANSA//LUCA ZENNARO

Roma, 25 febbraio 2024 - A volte per ricominciare bisogna partire davvero dall'inizio: è il caso di Domenico Pozzovivo, che dopo tanti mesi di silenzio (e di attesa) si regala un altro anno da professionista e lo fa con la VF Group-Bardiani CSF-Faizanè, la squadra che lo aveva lanciato nel professionismo nell'ormai lontano 2005.  

I dettagli

E dire che l'iniziale scadenza fissata dal lucano per trovarsi una nuova squadra dopo la fine del contratto con l'Israel-Premier Tech era fine ottobre: pena il rischio di dover appendere la bici al chiodo. In effetti, per un corridore classe '82 lo scenario non dovrebbe essere così insolito e spaventoso, ma non per Pozzovivo, che a dispetto dell'incedere dell'età e della mannaia degli infortuni sempre pendente sulla sua testa ha ancora voglia di continuare a correre anche per eguagliare un record: le 18 partecipazioni complessive al Giro d'Italia di Wladimiro Panizza. Chissà che alla lunga allo scalatore non venga voglia addirittura di sorpassare questo primato. In realtà no e ci tiene a dirlo proprio il diretto interessato, che giura che la prossima stagione sarà l'ultima. "Questa vicenda ha le sembianze della sceneggiatura di un film, ma il mio ritorno nel team che mi ha lanciato 19 anni fa si è finalmente concretizzato. Oltre all'inevitabile emozione, mi sento motivato a mettere la mia esperienza al servizio dei tanti giovani presenti in una squadra che fa proprio dello sviluppo di nuovi talenti la sua filosofia, come so bene proprio io. Io stesso - conclude Pozzovivo - mi sento ancora competitivo e non vedo l'ora di ripagare Bruno e Roberto Reverberi della fiducia che hanno riposto sul mio conto". La parola passa proprio a Roberto Reverberi, il cui commento su quello che è verosimilmente l'ultimo colpo di ciclomercato della sua VF Group-Bardiani CSF-Faizanè non si fa attendere. "Domenico sarà di fondamentale importanza per insegnare tanto ai nostri giovani, ma non dimentichiamoci che resta un corridore molto competitivo che ha avuto nel 2012, con 4 corse vinte che ricordo con grande emozione, l'anno della sua esplosione. Sappiamo che ci affidiamo a una delle persone più professionali presenti in questo mondo e che io abbia mai conosciuto. Esprime dei valori molto nobili e siamo felici e orgogliosi che sia tornato qui per chiudere il cerchio della sua carriera". Dopo le lecite emozioni del caso, la parola passerà alla strada: da definire il programma stagionale di Pozzovivo, che ovviamente avrà nel Giro d'Italia 2024 il suo fulcro e probabilmente nel Giro di Lombardia 2024, altra corsa molta amata e affine alle proprie caratteristiche, l'ultimo ballo nel professionismo prima di dedicarsi ad altro anche grazie agli studi intrapresi tra una pedalata e l'altra.

La lungimiranza del lucano è ben testimoniata anche dagli allenamenti in altura svolti al Parador de Las Canadas del Teide, la location nei pressi di Tenerife notoriamente molto gettonata dai ciclisti: il tutto quando un contratto firmato non c'era ancora.

Leggi anche - Lecce-Inter, probabili formazioni e orari tv

Continua a leggere tutte le notizie di sport su