Sci, niente da fare a Beaver Creek: cancellata anche la seconda discesa

Ancora il meteo ferma la libera sulla Birds of Prey: quarto stop in questo funestato inizio di stagione

di MANUEL MINGUZZI -
2 dicembre 2023
A Beaver Creek si sono disputate soltanto le prove
A Beaver Creek si sono disputate soltanto le prove

Beaver Creek, 2 dicembre 2023 – Maledizione sulla discesa libera nella Coppa del modo 2023/2024. Dopo la cancellazione di quelle di Cervinia per lo Speed Opening maschile, anche a Beaver Creek il meteo prevale. La seconda libera sulla Birds of Prey è stata cancellata esattamente come la prima di venerdì. Stavolta le condizioni erano talmente difficili, neve e vento, che il direttore di gara Markus Waldner ha ordinato il rompete le righe ben due ore prima del via ufficiale della gara programmato per le 18.45 ora italiana. D’altronde, le previsioni non promettevano nulla di buono dopo la cancellazione di ieri e infatti il meteo ha presentato il conto pure per il sabato, rendendo di fatto impossibile gareggiare per gli atleti. Ora non resta che sperare nel supergigante di domenica 3 dicembre, sempre alle 18.45, dove potrebbe esserci una finestra meteo utile per gareggiare. Inizio funestato per le discipline veloci e in generale per la coppa maschile dato che ad oggi è stato disputato solo lo slalom speciale di Gurgl.

Problemi di calendario

Raffica di problemi in calendario, perché ci sono ben quattro discese da recuperare e la prima è già stata fissata in Val Gardena il 14 dicembre. Ma il programma di gare è fitto e trovare altri tre slot liberi può diventare un problema quasi insormontabile. Un aspetto che rischia di penalizzare oltremodo gli specialisti della velocità a discapito di quelli delle prove tecniche, anche se Marco Odermatt ormai si cimenta ad alto livello dappertutto tranne che in slalom. In generale, i primi mesi di gare continuano a presentare il conto, perché un anno fa il problema era il caldo mentre ora è l’esatto opposto, con tempo brutto tra neve e vento. Si dovrà ragionare sui calendari, magari aprendo in futuro a qualche tappa in Sudamerica dove solitamente gli atleti svolgono i ritiri pre-stagione. Per ora niente downhill e da prossima settimana si rientrerà in Europa per andare in Val d’Isere prima, prove tecniche, e proprio in Gardena poi, sperando possano esserci le condizioni meteo utili a gareggiare.

Le prove

Anche a Beaver Creek si chiuderà senza discese, rendendo superflue le due prove fatte martedì e mercoledì. Nella prima prova Aleksander Aamodt Kilde aveva strappato il miglior tempo con Cyprien Sarrazin secondo e Andreas Sander terzo, mentre Mattia Casse aveva chiuso con un ottimo quarto posto davanti ad Alexander Cameron e Adrian Smiseth Sejersted. Più in controllo Dominik Paris sedicesimo. Nella seconda si era confermato il francese Sarrazin con Crawford alle sue spalle davanti a Nils Hintermann, mentre Kilde aveva ottenuto il quinto tempo dietro l’austriaco Daniel Hemetsberger. Ancora in top ten Casse con il nono tempo, mentre Paris aveva ottenuto la ventunesima piazza.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su