Sci, ottava sinfonia di Odermatt in gigante: che rimonta a Schladming. Ottavo Della Vite

Lo svizzero vince il gigante di Schladming rimontando dall’undicesima piazza: sono otto vittorie di fila nella specialità

di MANUEL MINGUZZI -
23 gennaio 2024
Marco Odermatt
Marco Odermatt

Schladming, 23 gennaio 2024 - E chi lo ferma Marco Odermatt? Nessuno, se non lui stesso. Ottava vittoria consecutiva in gigante per lo svizzero, capace stavolta di rimediare ad un errore nella prima manche per trionfare a Schladming nel quinto gigante stagionale. Undicesimo a metà gara, Odermatt ha rimontato tutti nella seconda con una straordinaria prova in attacco per mettere un altro sigillo alla sua giovane carriera. Novantotto i centesimi rimontati al padrone di casa Manuel Feller che era in testa dopo la prima, mentre a completare il podio si è piazzato Zan Kranjec. Bene Filippo Della Vite ottavo.

La rimonta di Odermatt

Planai molto ghiacciata e difficoltà maggiori di tenuta sugli sci, infatti anche un big come Marco Odermatt ha steccato nella prima manche, con un errore importante, perdendo ben 98 centesimi in undicesima posizione. Un guaio in una gara molto aperta e con distacchi ravvicinati. Il miglior tempo è stato allora del padrone di casa Manuel Feller, candidato protagonista della vigilia, bravo a mettersi alle spalle Loic Meillard di 10 centesimi e Henrik Kristoffersen di 19, segno di una manche combattuta, mentre in quarta piazza Zan Kranjec a 30 centesimi appena davanti a Filip Zubcic quinto a 39. Non c’è stato uno sciatore in grado di fare il vuoto. Hanno tenuto bene anche gli azzurri. Finalmente convincente Filippo Della Vite con una prima manche chiusa in nona posizione a 89 centesimi, tra l’altro davanti a Odermatt, e Giovanni Borsotti tredicesimo a 1”09. L’Italia ha poi piazzato altri tre sciatori nella seconda manche con Hannes Zingerle diciannovesimo, Luca De Aliprandini ventiduesimo e Alex Vinatzer venticinquesimo. Nella seconda era attesa la reazione del cannibale svizzero, e non si è fatta attendere. Con il miglior tempo di manche Odermatt ha rimontato ben dieci posizioni, superando tutti i migliori al mondo, per conquistare l’ottava vittoria consecutiva in gigante in 2’10”03, beffando di 5 centesimi l’idolo di casa Manuel Feller che ha dilapidato i 98 centesimi di vantaggio che aveva accumulato nella prima manche. L’urlo di gioia degli austriaci è rimasto in gola. Terzo un solido Zan Kranjec, bravo a rimontare su Loic Meillard, lo svizzero è finito dietro anche ad Alexander Steen Olsen, mentre l’Italia ha piazzato finalmente un italiano in top ten con l’ottava piazza di Filippo Della Vite a 87 centesimi dal vincitore, scavalcato dal rappresentante di Andorra Joan Verdu e dal croato Filip Zubcic. Crollo di Henrik Kristoffersen che era terzo dopo la prima manche ma ha chiuso solo al nono posto. In generale buona prova per l’Italia con Hannes Zingerle tredicesimo, miglior risultato in carriera, Alex Vinatzer diciottesimo e Luca De Aliprandini diciannovesimo. E’ invece uscito nella seconda Giovanni Borsotti.  

Classifica finale

1 Odermatt 2’10”03 2 Feller +0.05 3 Kranjec +0.29 4 Steen Olsen +0.33 5 Meillard +0.56 5 Zubcic +0.56 7 Verdu +0.82 8 Della Vite +0.87 9 Kristoffersen +1.26 10 Haugan +1.48

Continua a leggere tutte le notizie di sport su