Prova di forza contro Ankara. Una Lube da mille e una notte

Prova impeccabile dei civitanovesi nell’andata dei quarti. Mercoledì il ritorno all’Eurosuole

22 febbraio 2024
Prova di forza contro Ankara. Una Lube da mille e una notte

Soddisfatti i giocatori della Lube al termine della gara contro l’Halkbank Ankara

HALKBANK

1

LUBE

3

HALKBANK : Matic 4, M.Lagumdzija 7, Ngapeth 12, Ma’a 3, Abdel Aziz 24, Tayaz 7, Done (L), Perrin 5, Blankenau. N.E. Ivgen, Uzunkol, Unver, Ulu, Coskun. All. Kovac.

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Chinenyeze 10, Lagumdzija 14, Nikolov 17, De Cecco 6, Anzani 6, Yant 17, Balaso (L), Thelle 1, Bisotto, Diamantini. N.E. Cremoni, Motzo, Bottolo e Larizza. All. Blengini.

Arbitri: Dobrev (Bul) e Szabo (Ung).

Parziali: 21-25 (23’), 21-25 (24’), 27-25 (29’), 22-25 (28’).

Note: Halkbank battute sbagliate 20, ace 6, muri 6, ricezione 61% (perfetta 35%), attacco 45%; Lube bs 20, ace 5, muri 8, 51% (28%), 57%.

Signore e signori, la Lube. Altro che mamma li turchi, ad Ankara la Lube mette in scena una recita strepitosa e piega l’Halkbank 1-3 nell’andata dei quarti di Champions. Un blitz di squadra, di carattere ma anche di qualità nel gioco, con De Cecco paradisiaco ad orchestrarlo prendendosi ripetutamente beffe del muro. Un successo quasi totale, perché è vero che Ankara si è presa il terzo set, ma di fatto ci è riuscita solo per gli ace di Abdel Aziz e comunque sudandolo ai vantaggi. Nelle ultime tre edizioni di Champions Civitanova aveva sempre perso l’andata, in casa o fuori, e poi non aveva completato la difficile rimonta al ritorno, stavolta partirà con pronostico e punti (3) a favore. L’appuntamento è per mercoledì ma prima, domenica e sempre all’Eurosuole Forum, c’è Piacenza.

Primo set. Chinenyeze è recuperato, come avevamo previsto Yant è preferito a Bottolo. Si temono le battute di Abdel Aziz, ma è la Lube a cominciare forte dai 9 metri e prima con l’ace di De Cecco, quindi di Yant, scava il break. La ricezione turca sfarfalla ancora: 16-21. De Cecco distribuisce palloni con grande equilibrio, l’attacco vola (74%!) e si arriva al 21-24. Chiude Chinenyeze.

Secondo set. Si va punto a punto, sul 16 pari Lagumdzija piazza un ace importante, tanto più che subito dopo il fratellino regala una invasione ed è +2. Diventerà +3. La Lube è bella, tosta, cinica, come forse non mai in questa stagione. Ankara soffre e Ma’a regala un attacco di seconda murato da Anzani, set ball. Yant di pipe fa 0-2.

Terzo set. Sul 21-22 va al servizio Abdel Aziz, è il momento-bivio: ace. Ancora ace, poi out. Nikolov forza e si becca il muro di Tayaz: 24-23. Ancora il baby però annulla due volte di fila il set ball turco. Un rocambolesco 25 pari vede Lagumdzija attaccare largo in parallela, poi Ngapeth allunga la sfida.

Quarto set. De Cecco riprende a fare magate e i turchi regali…quello di Ngapeth vale il 6-10. Ankara fatica centralmente, murone di Chinenyeze su Matic, +5! Col solito servizio Abdel Aziz ricuce un po’ ma non ce n’è. Yant tiene la Lube avanti 3 lunghezze con attacchi furbi, per i titoli di coda ecco Perrin che serve lungo.

Andrea Scoppa

Continua a leggere tutte le notizie di sport su