Savino Del Bene, niente da fare con l’Imoco. Conegliano si conferma squadra imbattibile

Scandicci gioca ’solo’ nel secondo set. Battuta e ricezione esaltano le campionesse d’Italia che vincono 3-0. Zhu Ting in ombra

28 gennaio 2024
Savino Del Bene, niente da fare con l’Imoco. Conegliano si conferma squadra imbattibile
Savino Del Bene, niente da fare con l’Imoco. Conegliano si conferma squadra imbattibile

IMOCO CONEGLIANO

3

SAVINO DEL BENE SCANDICCI

0

PROSECCO DOC IMOCO CONEGLIANO: Piani n.e., Plummer 11, Roinson Cook 11, De Kruijf n.e., Gennari, Lubian 12, De Gennaro (L1), Haak 15, Bugg n.e., Wolosz, Lanier n.e., Fahr 12, Bardaro, Novello (L2) n.e. All.: Santarelli D.

SAVINO DEL BENE SCANDICCI: Alberti n.e., Herbots 5, Zhu Ting 7, Ruddins (L2), Di Iulio, Villani, Ognjenovic 1, Parrocchiale (L1), Armini, Nwakalor 4, Washington n.e., Carol 6, Antropova 16, Diop. All.: Barbolini M.

Arbitri: Goitre – Saltalippi

Parziali: 25-15, 25-21, 25-17

TREVISO - La Savino Del Bene torna a casa a mani vuote, ha pagato un avvio stentato, nel secondo si è svegliata, ha messo in difficoltà le regine, ma le Pantere hanno tirato fuori la grinta, il furore e quel talento che sta caratterizzando anche questa loro stagione. L’avvio è travolgente per Conegliano che prende subito il sopravvento su una Savino Del Bene incapace di reagire. Sul 6-3 le padrone di casa ne fanno altri cinque che tolgono lucidità e respiro. Antropova, Carol e Nwakalor cercano di arginare la piena ma sul 17-7 il divario è incolmabile e sul 25-15 si chiude il primo set.

Non può essere quella la vera Savino Del Bene che, al ritorno in campo, si ritrova. Il gioco diventa bellissimo, finalmente è spettacolo, i 5.300 spettatori applaudono a ripetizione. Le biancoblù partono in quarta, anche le Pantere mostrano finalmente una certa debolezza. Antropova trascina la squadra, che va via, trova fluidità di gioco e sul +4 (14-18) sembra ormai aver trovato le soluzioni giuste, il Conegliano sembra in ginocchio. Ma non è così perché si alza sui pedali, sul 20-20 agguanta per la prima volta il pari, va in testa e con Haak guadagna quel 2-0 che ad un certo punto sembrava impossibile. Anche il terzo set parte bene, Barbolini rimesta le carte, nonostante la beffa del secondo set la squadra sembra comunque viva.

Ma le Pantere non ci stanno, quando accelerano nessuno riesce a star loro dietro, e la Savino Del Bene perde certezze. Sul 20-12 Barbolini cambia ancora, prende fiato con Antropova e Zhu Ting ma al di là della rete c’è una squadra magica; sul 24-16 Herbots annulla un primo match point, ne annulla un altro ma sull’errore di servizio della Antropova Scandicci china la testa. Wolosz MVP, Antropova (16 punti) top scorer; Conegliano superiore in tutto: in ricezione, in attacco e in battuta.

Franco Morabito

Continua a leggere tutte le notizie di sport su